Tutte 728×90
Tutte 728×90

#pokemongo tra i rifiuti, Gemma e Fabio: «Caro Francesco, adesso ti scriviamo noi…»

#pokemongo tra i rifiuti, Gemma e Fabio: «Caro Francesco, adesso ti scriviamo noi…»

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Gemma Salfi e Fabio Infelise, coordinatrice e vice coordinatore FI Giovani Cosenza, in risposta all’articolo firmato da Francesco Alimena.

Caro Francesco Alimena, coloro che ti scrivono sono due giovani cittadini cosentini come te, ai quali piace tanto e ricordano con mestizia i tempi d’oro del centro storico, animato fino a tarda notte dai locali in foga, ma che per colpa delle mo(vi)de cosentine (e non del Sindaco, il quale sta cercando fra BoCS-Art, Temporary Store, ed eventi vari quali, per esempio, i 5sensi di marcia, il Festival del Fumetto, il Festival delle arti di strada, il percorso storico su Telesio e così via..), si è nuovamente svuotato e pertanto lasciato al suo infelice destino. Certo, noi non siamo nativi ne tantomeno residenti e perciò non potremmo mai capire fino in fondo cosa accade in quel posto, infatti, a proposito di questo, vorremmo collaborare con te e con voi, qualora tu ce lo permetta.

Dovremmo chiedere a tutti i cittadini di Cosenza di avere maggiore senso civico, affinché venga rispettata scrupolosamente la raccolta differenziata, per rispettare l’ambiente e chi lo circonda. Ricordiamoci che, ultimamente diversi punti del centro storico sono stati interessati da interventi di bonifica e riqualifica , come ad esempio la riqualificazione dei ponti storici, il Castello che è tornato a vivere e quotidianamente è diventato meta per i tanti turisti che giungono nella nostra terra , e crediamo sia il fiore all’occhiello della nostra città.

Caro Francesco, ma te lo ricordi il Duomo del sabato sera di qualche anno fa? la gente per sedersi saliva sui muretti, si inoltrava nei vicoli più ciechi e si stringeva sugli scalini fatti di sampietrini che tanto ami; eppure, per esserci tutta quella gente, il parcheggio evidentemente si trovava. Ora ti starai chiedendo: -“certo che si trovava, ma a pagamento!”-

Anche questo è colpa del Sindaco? purtroppo no, mio caro Francesco. Inutile nasconderci dietro un dito, anzi peggio, inutile puntare il dito per scrollarci una responsabilità di dosso.

Conosciamo bene, da persone mature quale sei e quali siamo, alcune realtà della nostra città, della nostra Calabria. Alcuni comportamenti altrui andrebbero contrastati con il rifiuto, collaborando quindi con l’amministrazione e quando tutto sembra inutile, opponendosi con mezzi legali quale è la denuncia; ma tu, da buon giurista lo sai, vero Francesco?

Saprai anche, senz’ombra di dubbio, che il programma di risanamento, avviato alla fine degli anni 80, si è da tempo interrotto per esaurimento dei fondi europei e per l’inerzia dell’amministrazione di allora ,con conseguente abbandono da parte dei residenti. Spopolamento da censire in termini non puramente legati alle condizioni di vita, ma perché sia adulti che giovani emigrano in altri luoghi per altre cause, come il lavoro, e quindi non solo per le precarie condizioni di vita e per colpa (a tuo dire) del nostro Sindaco.

Il nostro centro storico è la più grande opportunità che abbiamo per lo sviluppo e la promozione turistica; adesso ti starai ulteriormente chiedendo che non è con il turismo che si stravive o, come riportavi nella tua lettera, che si sopravvive. Ma prova ad immaginare un centro storico come quello delle più belle e antiche città italiane, che pulsa di novità artistiche e commerciali come festival, percorsi guidati, negozi, locali notturni, alberghi diffusi con i quali si vede realizzata l’ unione di utilitas e di decor che gli attuali edifici abbandonati non potranno mai realizzare. Prova un attimo ad immaginare ad occhi chiusi. Non pensi che qualcosa si stia già realizzando?

Caro Francesco, noi siamo giovani come te; conviviamo con la paura di un futuro incerto e la rabbia verso chi ce lo ha in parte e sostanzialmente già rubato. Non è giocando a PokèmonGo che si risolvono i problemi, ma prestando il proprio supporto in modo spontaneo e gratuito, con una funzione di complementarietà e non di mera distruzione altrui.

Noi vogliamo provare a collaborare con le istituzioni e con le amministrazioni e ci farebbe piacere vedere che lo facessi anche tu.

Disinstalla PokèmonGo dal tuo cellulare, percorri le strade del tuo quartiere che tanto adori e vieni in Comune. Ti aspettiamo li :).

Gemma Salfi e Fabio Infelise

coordinatrice e vice coordinatore FI Giovani Cosenza 

Related posts