Nuoto

Pallanuoto F., esordio amaro per Cosenza. Messina è troppo forte (12-7)

Il Setterosa di Capanna paga un approccio leggero al cospetto di una formazione costruita per vincere il campionato. Per la Motta e la Pomeri due gol a testa.

Torna a casa con l’amaro in bocca la formazione femminile della Cosenza Pallanuoto, sconfitta a Messina all’esordio stagionale nel campionato di Serie A. I troppi errori hanno condizionato le ragazze calabresi, che dopo aver perso ma solo di misura contro le peloritane in Unipol Cup, hanno trovato una squadra trasformata nell’atteggiamento. Le medaglie olimpiche Aiello e Radicchi, insieme alle straniere Kuzina e Chiappini e alla sempre fondamentale Bosurgi, hanno messo sotto Cosenza, stordita in avvio, e quasi mai in grado di riavvicinarsi. Capanna ha subito dato fiducia a Sotireli e Guannan, recuperando Motta e Pomeri un po’ appannate dopo le fatiche giapponesi.

Il loro rientro non è servito, perché dopo due minuti di gioco Cosenza era già sotto di tre reti, firmate da Kuzina, migliore in campo, Bosurgi e Chiappini. Stesso copione del match di coppa della passata settimana, ma con una differenza. Dopo le tre reti le calabresi riuscirono a reagire a differenza di oggi, perché Messina ha continuato ad attaccare mettendo subito a distanza la squadra di Capanna. La reazione infatti non è arrivata, almeno nei primi due periodi di gioco, in cui la sola Citino ha provato a far male alle avversarie, tentando in tutti i modi di ravvivare una squadra messa sotto sul piano fisico e dell’atteggiamento, in grado esprimere una pallanuoto appannata.

Nel terzo parziale, iniziato sul 7-2 per le padrone di casa, arriva la sterzata delle ospiti, che approfittano di qualche errore del portiere Ventriglia e si avvicinano grazie alle reti di Pomeri. L’operazione rimonta, proibitiva, si spegne già all’inizio del quarto tempo ad opera di Gitto che ristabilisce le distanze e cancella le velleità di Cosenza, battuta poi 12-7. Il Città di Cosenza ha pagato molto la fisicità di Radicchi e compagne, sempre attente e pronte ad aggredire le avversarie. Capanna salverà il terzo periodo di gioco e qualche buon movimento sull’uomo in più, in una gara che ha palesato i limiti di una squadra che dall’anno scorso si porta dietro la difficoltà a partire con il piede giusto e un pizzico di imprecisione al tiro. La prossima settimana l’esordio in casa della Cosenza Pallanuoto con la Sis Roma, in una gara che dovrà essere interpretata diversamente da quella di oggi.

Il tabellino:
Destra Messina-Cosenza Pallanuoto 12-7
Despar Messina: Ventriglia, Begin, Gitto (1), Chiappini (2), Morvillo, Radicchi (1), Kuzina (4), Lopes, Marchetti, Aiello (1), Arruzzoli, Bosurgi (3), Laganà. All: Mirarchi.
Città di Cosenza: Sotireli, Citino (1), Di Claudio, De Mari, S. Motta (2), Niu (1), D’Amico, Nicolai, Pomeri (2), Presta (1), R. Motta, Garritano, Manna. All: Capanna
Arbitri: Lo Dico e Taccini.
Note: Uscite De Mari (C) e Radicchi (M) per tre falli. Superiorità: Messina 2 su 8; Cosenza 4 su 11.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina