Tutte 728×90
Tutte 728×90

Juve Stabia-Cosenza: le pagelle

Juve Stabia-Cosenza: le pagelle
Photo Credit To Ivan Turco

Perina e Blondett i migliori tra le fila dei rossoblù, male l’attacco. Si salva Blondett. Poca qualità a centrocampo, per Scalise esordio negativo.

La differenza tra Juve Stabia e Cosenza è stata evidente, specialmente per ciò che concerne la qualità delle azioni e della manovra. I gol sbagliati dai Lupi, però, hanno inciso tantissimo. La tecnica dei singoli ha deciso ill punteggio ed evidenziato come chi vuole veleggiare nelle primissime posizioni di classifica deve averne in ogni reparto. Sempre. (Antonio Clausi)

PERINA: VOTO 7 Vola su Capodaglio. Soliti miracoli per dire no a Marotta e Ripa. Torna a Cosenza con un problema fisico.
CORSI: VOTO 6 Sandomenico è il cliente più scomodo, ma lo argina come può e quando può.
TEDESCHI: VOTO 6 Deve faticare il doppio perché gli tocca dare una mano ai compagni di reparto.
BLONDETT: VOTO 6.5 Il duello sulle palle alte con Ripa è entusiasmante. Da applausi una chiusura su un cross basso nella ripresa a pochi metri da Perina, meno quando regala palla sulla sua trequarti a Salvi. Ha sul sinistro la palla dell’1-1, ma la cicca.
SCALISE: VOTO 5 L’esordio non è dei migliori: il fallo da rigore su Ripa non c’era, ma causa l’1-0. Poi sembra ancora un po’ impacciato. Va in affanno su Marotta e Kanoutè.
MUNGO: VOTO 5.5 Non può inventare perché gli uomini in maglia gialloblù spuntano da tutte le parti e deve pensare alla fase di non possesso.
CAPECE: VOTO 5 Il paragone con Capodaglio vien da sé: ogni pallone della Juve Stabia passa dal collega, ma nell’altra cabina di regia. Se il Cosenza si affida spesso a lanci lunghi c’è un perché.
CACCETTA: VOTO 6 Nel pre-partita accusa un fastidio fisico, ma stringe i denti dando il suo contributo. Un paio di volte si butta anche nello spazio e sfiora il colpo grosso.
FILIPPINI: VOTO 5 Nel primo tempo perde banalmente un pallone concedendo il tiro a Capodaglio. Nella ripresa divora un gol clamoroso, poi serve a Baclet un pallone d’oro. Non basta.
BACLET: VOTO 6 Fa a sportellate con Atanasov e fa salire i compagni, ma fallisce due volte il bingo dal centro area. E’ in crescita.
CAVALLARO: VOTO 5 Il contropiede non è la sua specialità. Per dargli la possibilità di essere decisivo va innescato nei pressi dell’area.
ROSELLI: VOTO 5.5 Discutibile la scelta di Scalise dall’inizio: spesso è andato in difficoltà. I suoi si affidano per lo più a lanci lunghi e subiscono il baricentro altissimo della Juve Stabia. Manovra sostanzialmente lenta, quando la si è velocizzata si sono creati i pericoli.

Subentrati:
APPIAH: VOTO 5.5 Nelle prime tre palle giocabili si fa pescare in fuorigioco. Alla quarta la staffilata dai 20 metri è fuori misura. Alla quinta prova con la punta a beffare Russo, ma non va.
GAMBINO SV
CRIACO SV

Related posts