Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mister Guardia: “I segreti e le difficoltà per vincere il campionato di Terza Categoria”

Mister Guardia: “I segreti e le difficoltà per vincere il campionato di Terza Categoria”

Alla vigilia dell’inizio del campionato, abbiamo parlato con Raffaele Guardia, allenatore campione in carica della Terza Categoria con il Santa Maria del Cedro.

 

Domani inizierà anche il campionato di Terza Categoria. L’anno scorso nel girone tirrenico-cosentino, a trionfare è stato il Santa Maria del Cedro allenato da Raffaele Guardia. Chi meglio del giovane allenatore cetrarese, campione in carica della categoria, può spiegarci come riuscire a fare bene nell’ultimo campionato dilettantistico?

“La cosa principale è l’organizzazione. Sia da parte della società che da parte della squadra. La società è stata straordinaria. Non ha fatto mancare nulla nè a me e nè ai calciatori. Io ho fissato subito le regole scritte. Sono riuscito a conquistare piano piano il gruppo ed i risultati si sono visti fin da subito”. Alla fine la sua squadra ha vinto il campionato finendo addirittura su…La Gazzetta dello Sport: “Proprio così. Siamo stati annoverati sulla rosea per essere entrati nella cerchia delle 30 squadre dilettantistiche imbattute in Italia durante la stagione agonistica 2015/2016 in compagnia di realtà importanti come il Parma. Sicuramente una bella soddisfazione anche questa”.

Ma quali sono invece le insidie che si possono trovare durante il campionato? “Sicuramente il clima ostile in certi campi diventa una grande difficoltà. E poi, siccome è comunque un campionato dove si parte tutti per vincere, subentra in un secondo momento la mancanza di entusiasmo quando non arrivano i risultati. Fortunatamente non è stato il nostro caso, ma ricordo che lo scorso anno ci sono state tantissime squadre che, dopo aver iniziato la stagione con determinati obiettivi, ha mollato quasi immediatamente la presa”.

Oggi però le strade tra il Santa Maria del Cedro e mister Guardia, si sono divise, anche perchè la squadra non esiste più non essendosi iscritta al campionato di Seconda. Cose che spesso accadono nelle categorie minori. L’estate di Guardia è però stata ugualmente calda con tante squadra che hanno bussato alla sua porta, con il sogno del professionismo che si è infranto sul più bello: “Sono stato due giorni ad Ancona. Mi avevano proposto di allenare la formazione juniores ma poi non se n’è fatto nulla perchè è subentrata una nuova società. Peccato”.

Ma non solo i marchigiani. Guardia ha avuto offerte anche dal Cetraro, dal Praia e dalla juniores dello Scalea: “Ringrazio tutte le squadre che hanno pensato a me. Purtroppo la possibilità di andare all’Ancona mi ha fatto perdere un sacco di tempo e, quando poi non se n’è fatto nulla, purtroppo sono subentrati motivi familiari”. E quindi riecco Guardia alla guida delle formazioni giovanili della scuola calcio Angelo Andreoli di Fuscaldo, un ruolo già rivestito negli anni scorsi. In giro per le varie squadre dell’alto Tirreno quasi tutti i “suoi” calciatori dello scorso anno.

Chiudiamo con un pensiero sulle favorite di quest’anno nel Girone vinto da Guardia con il Santa Maria: “Sinceramente molte squadre non le conosco, però devo dire che l’organizzazione di una società come l’Oreste Angotti di Torano, meriterebbe ben altri palcoscenici. Riescono ad avere un florido settore giovanili e sono riusciti a fare anche una squadra femminile. Il mio plauso a loro”. (Alessandro Storino)

Related posts