Tutte 728×90
Tutte 728×90

Delitto Cara, chiesta la condanna dei pentiti Dedato e Amodio

Delitto Cara, chiesta la condanna dei pentiti Dedato e Amodio

Il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni ha avanzato la sua richiesta per l’omicidio di Giacomo Cara avvenuto il 3 maggio 1999 a Rende.

Condannare i due collaboratori di giustizia Vincenzo Dedato e Francesco Amodio. È questa la richiesta avanzata dal sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni al gup Giovanna Gioia nel processo con rito abbreviato per l’omicidio di Giacomo Cara avvenuto il 3 maggio 1999 a Rende. In particolare il pm ha chiesto che a Dedato venga inflitta una condanna a 10 anni, una pena di 4 anni è stata invece sollecitata per Amodio. Si tornerà in aula il prossimo 11 aprile per eventuali repliche e sentenza. Secondo gli inquirenti l’omicidio Cara sarebbe stato il primo della guerra di mafia che insanguinò Cosenza e il suo hinterland alla fine degli anni ’90. Il sorvegliato speciale venne assassinato con dieci colpi di pistola la mattina del 3 maggio 1999, nel cantiere di una casa in costruzione, nell’area di Piano Monello.

Related posts