Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cerri, derby in famiglia: «Con Meluso e il Lecce non firmo per il pari»

Cerri, derby in famiglia: «Con Meluso e il Lecce non firmo per il pari»

Il capo dell’area tecnica del Cosenza: «Dobbiamo dimostrare di essere più vicini ai salentini di quel che dice oggi la classifica. Non mi basta neppure il quinto posto».

Per Massimo Cerri è un derby strano e non solo perché da calciatore fu il capitano del Monopoli. Per Massimo Cerri è un vero e proprio derby in famiglia, visto che in Cosenza-Lecce si ritroveranno di fronte due direttori sportivi (lui e Mauro Meluso, ndr) che nella vita sono cognati. «Non firmerei per il pari – dice dalle colonne della Gazzetta del Sud il capo dell’area tecnica rossoblù – anche se non si tratterebbe di un risultato negativo sul campo di una squadra come il Lecce. Dobbiamo dimostrare di essere più vicini ai salentini di quel che dice oggi la classifica. Se firmerei sul quinto posto del Cosenza? Neanche in questo caso».

Dopo l’excursus delle ultime giornate di campionato («I ko con Juve Stabia e Casertana sono arrivati a margine di prestazioni positive, mentre la sconfitta di Andria è stata fisiologica»), Cerri focalizza l’attenzione sul futuro dei suoi giocatori. «I calciatori messi da parte dal tecnico in questo momento dovranno prendere come modello Meroni. Il ragazzo ha saputo aspettare il proprio momento e contro i Flachetti si è rivelato tra i migliori».

C’è spazio pure per analizzare la questione rinnovi. «Al momento il prolungamento mio e di Roselli non sono delle priorità – chiude Cerri – Stiamo parlando con qualche calciatore e molte trattative sono state già avviate. Ci stiamo lavorando su».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it