Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rende, ko che brucia. Turris esaltazione del cinismo (3-1). Commento e foto

Rende, ko che brucia. Turris esaltazione del cinismo (3-1). Commento e foto
Photo Credit To Salvatore Mannarino

I biancorossi di Trocini scivolano a -4 dalla vetta. Apre Evacuo e pareggia Viteritti, poi Varriale fa 2-1 prima del pasticcio tra Marchio e Puterio.

Sconfitta che brucia, ma giusta, per il Rende. La Turris si è dimostrata più quadrata e ha vinto la partita grazie ad un organico maggiormente esperto e al cinismo che l’ha contraddistinta. A fare la differenza sono stati i cambi effettuati nella ripresa, grazie ai quali Baratto ha strappato l’intera posta in palio. Il 3-1, forse eccessivo nelle dimensioni, allunga il distacco per il club del patron Coscarella dalle formazioni di vertice (clicca qui per risultati e classifica dopo l’11° giornata).

Trocini arriva al fischio di inizio con una serie di calciatori in condizioni precarie. Non rischia Fiore e Gigliotti che si accomodano in panchina e a sorpresa lancia nella mischia il baby Faraco. È un 3-5-2 atipico, pronto a tramutarsi in 4-4-2 in fase di non possesso con Modesto che si allarga a sinistra e con Viteritti che scala al fianco di Sansone. Dall’altra parte Baratto disegna il più classico dei moduli dove Imparato-Danucci-Evacuo è un’ossatura del tutto invidiabile. L’avvio è biancorosso, tanto che il cronometro non aveva neppure completato il primo giro che Marchio in girata fa gridare alla rete. Nell’occasione bella la punizione tagliata di Modesto che però genera solo un corner. Ancora Rende al 10′. Boscaglia rientra sul sinistro e pesca Ferreira al centro dell’area. Il colpo di testa è perfetto, Abagnale (un ’98) è bravissimo a deviare in angolo. A sorpresa passa la Turris. Danucci fa ciò che vuole sulla trequarti e smarca Evacuo davanti a Puterio. Il numero nove corallino non si fa pregare e con un diagonale gonfia la rete: è il 15′. A stretto giro gli ospiti sfiorano il raddoppio. Somma trova spazio sulla sinistra, si appoggia ad Evacuo che lo libera al tiro. Miracoloso Marchio nel deviare il tiro in corner. Il Rende non riesce a rendersi pericoloso, anzi è sempre Somma che al 40′, sul più bello, sceglie di dribblare il pipelet calabrese anziché calciare a rete. Trocini ringrazia e negli spogliatoi tira le orecchie ai suoi uomini non prima di aver reclamato un penalty per fallo di mano di Picci.

La ripresa inizia con i padroni di casa a trazione anteriore alla ricerca del pari. L’1-1 arriva puntuale al 12′. Modesto crossa, Actis Goretta viene buttato giù da De Gol mentre la sfera raggiunge Viteritti. Il destro del terzino è una saetta imparabile. Nel frattempo Gigliotti rileva Boscaglia e fa lui la mezzala con l’effetto che il baricentro del Rende si alza pericolosamente. In un contropiede Evacuo brucia Marchio e si presenta a tu per tu con Puterio. Il portiere tira fuori dai calzonicini un pendolino magico e ipnotizza il bomber corallino che gli calcia addosso strappandosi i capelli per l’errore. Dopo qualche folata offensiva del Rende (De Marco dalla distanza e Vivacqua) è nuovamente il turno della Turris. Palumbo parte palla al piede, attira su di sé le attenzioni dei difensori e allarga per l’accorrente Barbiero. Il traversone è perfetto, l’intelligenza di Somma acutissima. L’ala, infatti, confeziona di testa un pacchetto regalo per Varriale (subentrato ad Evacuo). Il destro bacia il palo e fa esplodere il settore ospiti. La doccia fredda blocca mentalmente Modesto e compagni che al 41′ si cimentano in un’azione da “Mai dire gol”. Marchio appoggia male verso Puterio che cicca clamorosamente la sfera consegnando il 3-1 ai vesuviani. Il triplice fischio finale è quasi una liberazione. (Antonio Clausi)

Il tabellino:
RENDE (3-5-2): Puterio 5; Sansone 6, Marchio 5, Modesto 6; Viteritti 6.5 (29′ st Godano sv), Boscaglia 5.5 (12′ st Gigliotti 5.5), Benincasa 5.5, De Marco 5.5, Faraco 5.5; Ferreira 5.5 (23′ st Vivacqua 5.5), Actis Goretta 5.5. A disp.: Falcone, Fiore, Manes, Crispino, Serleti, Azzinaro. All.: Trocini 5.5
TURRIS (4-4-2): Abagnale 6; Barbiero 6.5, De Gol 6, Imparato 6, Perinelli 6; Morella 6 (23′ st Palumbo 6.5), De Rosa 6, Danucci 6.5, Somma 7; Picci 6 (39′ st Salvatore sv), Evacuo 6.5 (23′ st Varriale 7). A disp.: Atteo, Schettino, Petrone, Perfetto, Gallo, Sparandeo. All.: Baratto 7
ARBITRO: Ricci di Firenze
MARCATORI: 15′ pt Evacuo (T), 12′ st Viteritti (R), 34′ st Varriale (T), 41′ st Marchio (R, aut.)
NOTE: Spettatori circa 1000 con 80 ospiti. Ammoniti: Benincasa (R), Imparato (R), De Marco (R), Somma (T), Danucci (T), Gigliotti (R). Angoli: 4-1 per il Rende. Recupero: 1′ pt – 4′ st

Related posts