Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rende, contrada Saporito allagata: insorgono i Socialisti

Rende, contrada Saporito allagata: insorgono i Socialisti

Le piogge torrenziali dei giorni scorsi avrebbero provocato degli allagamenti in contrada Saporito. Il segretario del Psi di Rende Francesco Tenuta denuncia lo stato in cui versa una delle zone periferiche di Rende e attacca il sindaco Marcello Manna.

Il segretario del Psi di Rende, Francesco Tenuta, continua la sua battaglia politica contro l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Marcello Manna. Le piogge torrenziali dei giorni scorsi hanno provocato allagamenti in contrada Saporito. In una nota il Psi afferma che «è vergognoso ciò che è accaduto nei giorni scorsi. Oramai basta uno sputo per allagare la città e, nel caso di specie, Saporito. Gli allagamenti che si sono verificati lo scorso weekend, hanno procurato nuovamente ingenti danni alle cose, alle coltivazioni, alle attività commerciali di via G. De Chirico (prima fra tutte la pasticceria Nudo), immerse in un fiume di acqua, fango e detriti arrivato a toccare la soglia dei 20 centimetri. Allagamenti dovuti all’assenza di opere di manutenzione sui canali di scolo o sui pozzetti di C. da Difesa, oramai interamente ostruiti e insufficienti a smaltire le acque piovane».

La questione però sottolinea il Psi non è nuova, anzi. «Un problema, questo, che era stato già segnalato all’Amministrazione, con largo anticipo, già dal mese di febbraio scorso; un problema che il PSI ha denunciato innumerevoli volte, anche nel corso del tour; un problema che, tuttavia, un’amministrazione assolutamente sorda ha voluto completamente ignorare. Sono veramente esasperati i residenti della zona, giunti al limite della umana sopportazione. E quando un’amministrazione non ascolta le voci del suo popolo, è una amministrazione che non rappresenta più la città».

Il segretario Francesco Tenuta si pone questa domanda: «Quando questa amministrazione si sveglierà dal suo letargo? Quando prenderà contezza dei problemi della città? Quando inizierà a risolverne qualcuno? Quando tempo ancora i cittadini di Saporito dovranno aspettare perché si intervenga seriamente al fine di eliminare quest’annoso problema? Fino ad ora abbiamo avvertito solo spifferi di aria da parte di qualcuno della maggioranza che continua a diffondere ancora spot elettorali su ciò che intenderà realizzare in futuro. Ma le elezioni sono finite da un pezzo e la città di Rende è smaniosa di capire e comprendere – una volta per tutte – i risultati degli esperimenti prodotti all’interno di questo pseudo Laboratorio. Basta prendere in giro i Rendesi raccontando di essere pronti a lanciare la fase 2. Una fase che abbiamo oramai constatato essere quella dell’inciucio, del trasversalismo, del gioco delle poltrone. La vera fase di innovazione, di sviluppo, di seria ripresa economica, sociale e culturale della città di Rende non ha numeri, ma si compone semplicemente di una speranza: la speranza della fine anticipata di questa legislatura. E non è una sparuta truppa di socialisti che vi chiede di mettervi da parte. È un’intera città che lo auspica» conclude il comunicato stampa.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it