Tutte 728×90
Tutte 728×90

Belvedere, con il Cotronei snodo cruciale. L’imperativo è vincere

Belvedere, con il Cotronei snodo cruciale. L’imperativo è vincere

Una vittoria di domenica permetterebbe agli amaranto di vincere il primo dei tre scontri diretti consecutivi che gli ha riservato il calendario, ma soprattutto ricominciare a credere nella rimonta.

 

Aria da ultima spiaggia in casa Belvedere. La partita contro la capolista Cotronei di domenica segna un bivio importantissimo per il futuro di questa stagione della squadra amaranto che, partita con ambizioni di vertice, si ritrova dopo più di terzo di campionato in un’anonima posizione di metà classifica. La stagione del Belvedere è stata finora a dir poco altalenante: partenza lentissima con 2 ko di fila in Coppa Italia contro Amantea e Scalea. In campionato altra debacle interna con l’Amantea, pareggio in casa della Promosport e da lì 4 vittorie di fila (Marina di Catanzaro, Brutium, Botricello e Garibaldina) che hanno portato gli amaranto a soli 3 punti dalla vetta. Sembrava l’inizio di una cavalcata vincente ma poi nuovo black-out con 3 sconfitte consecutive (Juvenilia, Atletico Maida e San Fili), interrotte dal successo sul Cariati, ma riprese domenica ad Aprigliano. Le altre nel frattempo correvano ed ecco che i punti dalla vetta occupata oggi dal Cotronei ed Amantea, sono 10: 26 a 16. Vincere contro i crotonesi, significherebbe svoltare soprattutto in vista dell’imminente apertura dei trasferimenti. La società amaranto infatti, in caso di vittoria sarebbe già pronta a tuffarsi sul mercato per rinforzare sensibilmente la squadra e provare recuperare il terreno perduto. Mister Vilardi, che ha ritrovato proprio questa settimana un calciatore fondamentale come Musacco, ci crede e con lui tutto l’ambiente che pare aver trovato un minimo di serenità dopo il terremoto societario di due settimane fa con le dimissioni di ben 4 dirigenti. Ci si aspetta il pubblico delle grandi occasioni allo “Scarcello”. Il calendario da l’occasione al Belvedere di rifarsi sotto con gli scontri diretti contro Cotronei, Olympic Acri in trasferta e Silana da giocare uno dopo l’altro. L’ora della verità è arrivata. Non ci sono più alibi. O dentro o fuori. (Alessandro Storino)

Related posts