Tutte 728×90
Tutte 728×90

Messina a caccia del riscatto. Pozzebon, gol e contestazione

Messina a caccia del riscatto. Pozzebon, gol e contestazione

I giallorossi attraversano un momento molto difficile. Soltanto Catanzaro e Reggina hanno fatto peggio dei peloritani. 

Una grande classica del Sud torna di scena oggi al Marulla. La sfida contro il Messina è una tradizione per il tifoso cosentino con la squadra che dovrà dare continuità alla bella vittoria di Agrigento. I giallorossi allenati da Lucarelli, al ritorno a Cosenza dopo 20 anni, non stanno attraversando certamente un periodo positivo. Nemmeno l’approdo dell’allenatore livornese, subentrato al duo Marra-Buonocore, ha prodotto gli effetti sperati in una stagione già iniziata male in estate per i noti problemi societari e con l’addio a mister Bertotto ed al ds Tosto, prima dell’inizio del campionato. I giallorossi non vincono ormai da 7 partite (2-1 alla Casertana all’esordio in campionato di Lucarelli) e nelle ultime 2, hanno subìto due pesanti 3-0. Il primo sul terreno del Melfi ed il secondo in casa contro il Lecce 3 giorni fa. La classifica ovviamente non sorride, con i peloritani in piena zona play-out a 15 punti in compagnia di Taranto e Vibonese. Peggio solo le altre due calabresi: Reggina con 14 e Catanzaro con 13. Pochissime le note positive della stagione. Tra queste indubbiamente Demiro Pozzebon. L’attaccante romano, arrivato in estate dalla Lucchese, ha già messo a segno 7 reti in campionato. Gol che hanno tenuto in linea di galleggiamento il Messina. Per Pozzebon però, le sirene del mercato sono già belle lampanti. Si parla di un forte interesse della Virtus Francavilla nei suoi riguardi. Staremo a vedere. Nel frattempo, i tifosi messinesi hanno preso di mira proprio il loro numero 9, durante la dura contestazione avvenuta a fine gara contro il Lecce. Con Lucarelli, che quasi in modo punitivo, ha insolitamente obbligato la squadra ad un piccolo allenamento extra, sotto gli occhi dei tifosi, dopo il triplice fischio finale dell’arbitro. (Alessandro Storino)

MESSINA (4-3-3): Berardi; Palumbo, Rea, Bruno, De Vito; Foresta, Musacci, Mancini; Ferri, Milinkovic, Pozzebon. In panchina: Russo, Saitta, Akrapovic, Bramati, Gaetano, Rafati,  Ricozzi, Madonia, Nardini, Saitta. All.: Lucarelli

 

Related posts