Tutte 728×90
Tutte 728×90

Brutium, che resistenza ad Acri. Con l’Olympic risultato ad occhiali (0-0)

Brutium, che resistenza ad Acri. Con l’Olympic risultato ad occhiali (0-0)

Fabiano salva i rossoblù allo scadere, mentre la formazione di casa ha sprecato con il bomber Provenzano un’ottima occasione a metà secondo tempo.

Arriva il primo pari stagionale per la Brutium Cosenza ed è uno 0-0 che vale oro per come è maturato. I rossoblù di Bacilieri riescono a reggere l’urto dell’Olympic Acri che dal canto suo perde un’occasione per avvicinarsi ancora di più nelle zone alte della classifica che poi condurranno ai playoff (clicca qui per il resoconto della giornata). Sono stati i padroni di casa a provarci maggiormente, mentre i rossoblù hanno pensato per lo più a difendersi tentando qualche contropiede.

Pascuzzo punta sugli uomini migliori: La Canna, Provenzano, Bisignano e Fabio, mentre tra gli ospiti c’è Filareti e non De Carlo in attacco. In porta torna Fabiano, ancora assente Ponzio. Dalla prima azione si capisce subito che non sarà un pomeriggio tranquillo per la Brutium. Mancino va via sulla fascia di competenza e serve con un traversone Lamirata. La zuccata è preda di Fabiano, così come la sventola di Provenzano qualche minuto dopo. Fabio si insinua in area avversaria, ma al momento di dare concretezza all’azione trova Ferraro a chiudergli lo spazio. Prima del break è ancora Olympic Acri. Corner tagliato e palla sui piedi di Perri: il tiro è da dimenticare e la palla termina alle stelle.

Nella ripresa continua a reggere il muro della Brutium, ma i Lupacchiotti rischiano di capitolare quando Mancino fa secco il diretto avversario e serve su un piatto d’argento il pallone dell’1-0 a Provenzano. L’esperto bomber, tuttavia, tradisce la sua fama e spreca clamorosamente. Il numero nove di casa non si trattiene nelle proteste quando a stretto giro ritiene di aver subito un fallo in area su cui l’arbitro sorvola. Il pericolo maggiore, però, Bacilieri lo scampa allo scadere. Mancino da buona posizione si avventa su una respinta corta per il più comodo dei tap-in, Fabiano è miracoloso a dire no.

E la Brutium? Si è battuta con ardore a centrocampo correndo tanto, ma in avanti non è mai pervenuta se non in qualche sporadica circostanza e con tiri dalla distanza, come ad esempio quello di Attanasio (tra i migliori). La squadra degli ultras della Curva Nord manda in archivio un 2016 di grande sacrificio, di lotta, consapevole che per conservare la categoria servirà un 2017 altrettanto infuocato.

 

Il tabellino:
OLYMPIC ACRI:
Lorè, Mancino, Viteritti, Fabio, Luzzi, Perri, Ferraro (15’ st Ritacco), Bisignano, Provenzano, La Canna, Lamirata. A disp.: Spingola, Azzinnari, s. Giudice, Tedesco, G. Giudice, Visano. All.: Pascuzzo
BRUTIUM COSENZA: Fabiano, Irace (12’ st G. Caruso), Greco, Caruso, Ferraro, Coscarella, Manneh, Casciaro, Filareti (21’ st De Carlo), Attanasio, Principato. A disp.: Bentivoglio, De Rose, Principe, Brogno, Ciobanu. All.: Bacilieri
ARBITRO: Stella di Cosenza
NOTE: Spettatori circa 150 di cui 20 di fede rossoblù. Ammoniti: Ferraro (A), Coscarelli (BC), Fabiano (BC). Angoli: 5-1 per l’Olympic Acri. Recupero: 1’ pt – 4’ st

Related posts