Tutte 728×90
Tutte 728×90

Torna in scena al Rendano “Francesco e il Re”

Torna in scena al Rendano “Francesco e il Re”

Venerdì 30 dicembre alle 20.30 un cast di talentuosi attori calabresi farà rivivere la figura di San Francesco di Paola alla Corte del re di Francia.

Torna in scena Venerdì 30 dicembre, alle ore 20.30, sul palco del teatro “Rendano”, a Cosenza, l’opera “Francesco e il Re” del drammaturgo calabrese Vincenzo Zicarelli, con la regia di Adriana Toman. Un cast di talentuosi attori calabresi farà rivivere la figura di San Francesco di Paola alla Corte del re di Francia. Un dramma storico avvincente. Lo scontro tra l’utopia e il potere, tra il meraviglioso sogno del taumaturgo paolano e la infelice realtà del sovrano di Francia. In scena Giovanni Turco, Marco Silani, Paolo Mauro, Francesco Aiello, Alessandra Chiarello, Francesco Rizzo, Antonio Conti e Natale Filice. Sul palco del Teatro “Rendano” 14 appuntamenti all’insegna del divertimento e del puro spettacolo. Prosa, commedie e tanta musica gli ingredienti del cartellone de “L’AltroTeatro”.

Francesco è un uomo tenace, determinato, concreto e temprato, il santo in cui ogni calabrese si riconosce. Re Luigi XI è un’abile stratega, capace di avere visoni e intuizioni politiche che ne hanno fatto un grande sovrano. L’uno incarna il sogno utopico della religione cristiana e l’altro le necessità pratiche di chi è tenuto a governare un paese senza potersi fare tanti scrupoli. Il re, dopo aver ben governato e resa forte la Francia, non si rassegna a lasciarsi consumare dalla malattia e invoca l’intervento di Francesco di Paola, già noto per le sue doti taumaturgiche. Il pensiero laico di Ziccarelli analizza la figura di Francesco alla luce di un valore intrinseco della persona per le azioni, al di là del misticismo, presunti miracoli e dichiarazioni di santità.

Toman, lavorando sulla struttura del testo per snellire l’alternanza di quadri scenici, costruisce lo spazio scenico come una scatola nera, sospesa nello spazio e nel tempo. Sono i personaggi che con i rispettivi ruoli suggeriscono le architetture intorno a sé.

Related posts