Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mutti: «Cosenza saprà riaccogliere bene Valoti». Poi un messaggio a Guarascio

Mutti: «Cosenza saprà riaccogliere bene Valoti». Poi un messaggio a Guarascio

L’ex allenatore dei rossoblù avvisa il nuovo ds e De Angelis: «Avranno un compito molto delicato. Stefano ha una grande opportunità, deve giocarsela bene».

Bortolo Mutti, chi se non lui? E’ l’ex tecnico del Cosenza a presentare Aladino Valoti, il nuovo direttore sportivo con cui ha lavorato in più occasioni. Non solo lo allenò proprio al Cosenza, ma poi lo ebbe come direttore sportivo in Serie B.

«Lo conosco molto bene – dice dalle colonne della Gazzetta del Sud – Proviene da tanti campionati a casa sua, all’Albinoleffe. Cosenza è una piazza che gli ha dato tanto e saprà riaccoglierlo a dovere. Lui e De Angelis avranno un compito molto delicato». A proposito dell’allenatore rossoblù, Mutti avvisa l’ex terzino del 1914. «Stefano è un ragazzo che si applicava molto in allenamento ed è sempre stato determinato. La carriera di tenico, però, è complicata. Lui adesso ha una grande opportunità e deve giocarsela bene».

Mutti non ha dimenticato quella magica stagione che regalò ai tifosi rossoblù il sogno della Serie A. L’ottavo posto finale fu semplicemente un dettaglio, perché fino alla fine i Lupi furono in corsa per una sdraio al sole. «Fu un grande campionato, mancò poi la forza per tenere testa alle prime in classifica. Ad ogni modo Cosenza è un ambiente fantastico che merita palcoscenici importanti. Se c’è stata una piccola rivoluzione, qualcosa evidentemente non andava».

Mutti, che segue da vicino le sorti delle squadre in cui ha lasciato un’impronta significativa, lancia un messaggio al presidente Guarascio. «Non è facile gestire una società di calcio oggi, ma allo stesso tempo non si può prescindere dalla passione. Un presidente che gestisce un club deve essere anche tifoso, tenere alla causa più di ogni altro. Far quadrare i conti è importante, ma non è l’unico aspetto che conta».

Related posts