Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il sindacato denuncia: «A Rende azienda querela lavoratori in sciopero»

Il sindacato denuncia: «A Rende azienda querela lavoratori in sciopero»

Il segretario generale della Slc Cgil Calabria, Daniele Carchidi, spiega: «La protesta, molto partecipata, deriva dal mancato pagamento delle mensilità di ottobre e novembre».

«Accade in questa terra che le aziende in difficoltà non paghino gli stipendi nei tempi dovuti e, ogni tanto, capita anche che i lavoratori manifestino la loro rabbia. Quello che capita, e non dovrebbe però, è che un’azienda quereli i lavoratori che manifestano un loro legittimo disagio. Fossero due, tre, quattro o tutti i Natali che i lavoratori hanno avuto il pagamento in ritardo delle spettanze, poco cambia». A rendere noto l’accaduto è il segretario generale della Slc Cgil Calabria, Daniele Carchidi.

L’episodio, spiega Carchidi, si è verificato alla Yope, azienda operante a Rende nel settore call center, «dove le organizzazioni sindacali – continua – il 27 dicembre scorso hanno indetto uno sciopero ad oltranza per il mancato pagamento di ottobre e novembre, più altri elementi retributivi previsti dal Ccnl non pagati negli anni precedenti. Uno sciopero partecipatissimo che ha visto la totalità dei lavoratori aderire alla protesta. A oggi l’azienda che nell’addossare la responsabilità dei mancati pagamenti a tutti, tranne che a se stessa, in un comunicato a un’emittente televisiva aveva annunciato il pagamento delle spettanze entro fine 2016, ha però smentito se stessa. Infatti le spettanze mancanti non sono state saldate».

«Ora – dice ancora Carchidi – che farà l’azienda querelerà se stessa per diffamazione? E invece no ha pensato bene di denunciare alcuni lavoratori. Ancora non conosciamole motivazioni, ma sappiamo che alcuni lavoratori hanno ricevuto notifica dell’avvio di indagini su denuncia presentata dall’amministratore unico dell’azienda».

Related posts