Tutte 728×90
Tutte 728×90

Valanga hotel Rigopiano, si cerca ancora il cosentino disperso

Valanga hotel Rigopiano, si cerca ancora il cosentino disperso

Si tratta del 60enne Tobia Foresta, un dipendente dell’Agenzia delle Entrate di Pescara che compare nell’elenco degli ospiti dell’albergo Rigopiano travolto dalla slavina. 

La slavina che si è abbattuta sull’hotel Rigopiano di Farindola ieri pomeriggio continua a tener banco i sono state delle vittime come noto, cinque, mentre sono diversi i dispersi. Tra questi c’è anche un uomo originario della provincia di Cosenza: si tratta di Tobia Foresta, un dipendente dell’Agenzia delle Entrate di Pescara. Nato a Cosenza, viveva e lavorava ormai stabilmente da decenni in Abruzzo. Il suo nome compare nell’elenco degli ospiti presenti nella struttura alberghiera. «Sono cinque le vittime accertate finora a causa del terremoto e del maltempo – ha spiegato la responsabile dell’Unita di Emergenza della Protezione Civile, Immacolata Postiglione – Le ultime due vittime sono state rinvenute questa mattina, entrambe nel territorio della provincia di Teramo, in Abruzzo. Si tratta di due dispersi, ritrovati a Crognaleto e Ortolano. A questi si aggiunge la vittima travolta dal crollo di una stalla, durante i fenomeni sismici del 18 gennaio, e le due vittime finora accettate all’Hotel Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara. Uno scenario, quest’ultimo, al quale sono dedicate 135 persone e sono al lavoro anche gli esperti di valanghe del nostro Paese».

Nel frattempo sono state ritrovate in vita sotto le macerie e la neve sei persone. «Una mamma e il suo bambino sono stati già recuperati mentre il recupero degli atri quattro è ancora in corso». precisa Luca Cari, responsabile della comunicazione in emergenza dei vigili del fuoco. «Con i quattro ancora da recuperare – spiega Cari – siamo in contatto vocale. Sono all’interno di un vano, non facile da raggiungere». SEGUONO AGGIORNAMENTI

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it