Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ecologia Oggi, cresce la tensione. I dipendenti protestano, attacco frontale a Guarascio

Ecologia Oggi, cresce la tensione. I dipendenti protestano, attacco frontale a Guarascio

Ieri le sigle dei sindacati hanno rivolto un attacco frontale ad Ecologia Oggi e a Guarascio, invitando il comune «ad affidare il servizio ad un’altra società che garantisca il servizio con trasparenza e nel pieno rispetto della legge ristabilendo così la piena regolarità del servizio».

Le tute gialle rivendicano i loro diritti e lo fanno con la prima delle due assemblee pubbliche comunicate all’azienda e previste per stamattina e per il 27 gennaio. Come denunciato in una nota sindacale diramata giovedì scorso, tre dipendenti dell’azienda Ecologia Oggi di Cosenza sono stati licenziati per questioni disciplinari. I dipendenti avevano già avviato azioni di protesta sollevando una serie di questioni secondo cui l’azienda non aveva rispettato i parametri stabiliti.

In mattinata i lavoratori di Ecologia Oggi hanno iniziato a discutere presidiando Piazza XI settembre e stazionando dinanzi alla Prefettura. Le lamentele sono state svariate nei giorni scorsi, tra cui anche quello relativo una serie di mancate corresponsioni di alcune indennità. Questo, mentre si avvicina la data di scadenza dell’appalto con il Comune di Cosenza, indicata per il 28 febbraio prossimo.

I punti su cui verte la discussione con i vertici di Ecologia Oggi riguardano sostanzialmente il personale non appartenente agli elenchi storici ex Vallecrati e la futura gara d’appalto; la pianta organica di personale non appartenente al capitolato di gara; il personale su prestazioni domenicali che è di 24 unità anziché di 48 con cui andrebbe espletato il servizio; gli atti di licenziamenti illegittimi.

I dipendenti di Ecologia Oggi lamentano come negli accordi e nel Piano integrato di serivizi di igiene urbana del Comune di Cosenza non sia mai stata prevista una figura professionale corrispondente al ruolo di direttore generale. Il riferimento è al braccio destro di Eugenio Guarascio, Rita Scalise. I sindacati, Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl, sottolineano come l’onere economico riferito a tale ruolo dirigenziale vada inquadrato all’interno dell’azienda e non debba essere a carico di Palazzo dei Bruzi. In una nota diramata ieri, intimano al comune di «attivare i relativi atti consequenziali amministrativi poiché sono state erogate somme per oltre 500mila euro non dovute, che pertanto devono essere restituite».

«Rispetto al numero minimo delle 137 unità previste dagli articoli 18 e 26 del Capitolato speciale d’appalto da utilizzare sul cantiere di Cosenza – si legge poi nella nota – si riscontrano nominativi differenti rispetto a quelli contenuti nell’elenco originario, la cui sostituzione non è mai stata comunicata dalla società Ecologia Oggi né al Consorzio Valle Crati e né al Comune di Cosenza e né mai autorizzati da codesti enti. Nell’ultimo elenco oggetto di contestazione risultano compresi lavoratori ulteriori fino alla concorrenza di n. 175 che sono stati assunti solo dal 27 marzo 2015 tra cui il signor Francesco Abenante che occupa abusivamente, da terzo livello, l’incarico di responsabile dei servizi, senza che si sia mai proceduto ad un eventuale e necessaria rivisitazione del Piano dei Servizi Integrati di igiene urbana del Comune di Cosenza in accordo tra soggetto gestore, Comune di Cosenza e Consorzio Valle Crati e senza che l’azienda abbia mai comunicato un avvenuto mutamento tecnico organizzativo del servizio reso.

Risulta invece che Ecologia Oggi abbia utilizzato per la commessa di Cosenza anche il personale di Lamezia Terme, il cui costo non è chiaro se sia stato sostenuto dalla società Ecologia Oggi o dal Comune di Cosenza. Siffatto personale essendo appartenente direttamente all’organico dell’azienda e utilizzato per ogni possibile commessa affidata a Ecologia Oggi non può essere retribuito con risorse finanziarie provenienti dal Comune di Cosenza».

Per ciò che invece concerne la questione dei licenziamenti, vengono definiti «ingiusti, come provato dalla vittoria nel successivo contenzioso di alcuni lavoratori, con conseguente reintegro nel posto di lavoro, con la conseguente mancata riorganizzazione del personale tesa a ristabilire la perfetta aderenza alla dotazione organica utilizzata». «Questo – prosegue la nota – ha provocato reiterati disservizi, contestati giornalmente dal RUP del Comune di Cosenza, ingegnere Arturo Bartucci».

I sindacati: «Ecologia Oggi, con gli ultimi licenziamenti illegittimi, sta agendo nell’inosservanza degli obblighi contrattuali finora analizzati e pertanto gli organi competenti dovranno eccepire, a nostro avviso, a carico di Ecologia Oggi, la responsabilità per inadempimento ex art. 1218 cod. civ. e conseguente immediata risoluzione del contratto»
La nota chiude con un monito durissimo. «Ecologia Oggi, con gli ultimi licenziamenti illegittimi, sta agendo nell’inosservanza degli obblighi contrattuali finora analizzati e pertanto gli organi competenti dovranno eccepire, a nostro avviso, a carico di Ecologia Oggi, la responsabilità per inadempimento ex art. 1218 cod. civ. e conseguente immediata risoluzione del contratto, chiedendo il risarcimento del danno cagionato dal mancato adempimento contrattuale.

Tenuto conto della scadenza del contratto al 28 febbraio, non più rinnovabile, riteniamo che il Comune debba fare immediatamente un’ordinanza contigibile ed urgente per affidare il servizio ad un’altra società che garantisca il servizio con trasparenza e nel pieno rispetto della legge ristabilendo così la piena regolarità del servizio.

Infine, il Comune di Cosenza dovrà verificare anche gli sgravi fiscali di cui Ecologia Oggi ha usufruito per quanto concerne il personale utilizzato dalla medesima ditta per lo svolgimento del servizio di igiene urbana nel comune di Cosenza pagato interamente dal Comune e creando un ingiustificato arricchimento nelle casse della società Ecologia Oggi.

Sarà inoltre presentato relativo esposto alla procura della Repubblica per verificare se sussistono reati in relazione ai fatti sopra esposti».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it