Tutte 728×90
Tutte 728×90

La Grande Cosenza al Prefetto Tomao: «Negato il diritto di accesso agli atti»

La Grande Cosenza al Prefetto Tomao: «Negato il diritto di accesso agli atti»

La coalizione guidata da Carlo Guccione chiede l’intervento del Prefetto per ripristinare trasparenza e legalità nell’opera dell’amministrazione comunale di Cosenza.

I Consiglieri comunali della “Grande Cosenza”, coalizione guidata da Carlo Guccione, lo scorso 24 gennaio hanno inviato una lettera al Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, denunciando l’impossibilità di accedere ad una serie di informazioni di cui, dal mese di settembre 2016, gli stessi avevano fatto domanda mediante richiesta formale al sindaco e al segretario generale del comune di Cosenza.

E’ il capogruppo del Pd al Consiglio comunale, Enrico Covelli, a darne notizia, diffondendo il contenuto delle richieste rivolte ai vertici dell’amministrazione comunale nei mesi scorsi. Si tratta, in particolare, di tre diverse lettere con cui i Consiglieri della “Grande Cosenza” hanno chiesto, ai sensi dell’art. 43 del TUEL, di accedere agli atti relativi al conferimento degli incarichi dirigenziali a Giovanni De Rose e Giampaolo Calabrese; all’aggiudicazione definitiva per il servizio di fornitura ed installazione delle luminarie cittadine alla cooperativa MED LABOR; e ad una fitta documentazione inerente, fra gli altri, tutti i contratti relativi allo staff del sindaco – e di tutto il personale esterno non a tempo indeterminato a partire dal 7 giugno 2016 – ed eventuali ricorsi giurisdizionali notificati all’Amministrazione precedente.

Secondo i consiglieri di minoranza, manca all’amministrazione comunale di Cosenza la capacità di operare nella massima trasparenza e legalità, pertanto hanno esortato il Prefetto ad intervenire in tal senso, così che si possa restituire all’opposizione la possibilità di svolgere al meglio il proprio mandato. (Maddalena Perfetti)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it