Tutte 728×90
Tutte 728×90

Baclet è diventato un cecchino: doppietta. Il francese stende il Melfi (2-0)

Baclet è diventato un cecchino: doppietta. Il francese stende il Melfi (2-0)

Al 35′ e al 45′ della ripresa il centravanti dei Lupi sbriga la pratica con due reti da rapace dell’area di rigore. Bene i cambi tattici apportati da De Angelis a match in corso.

Sono tre punti molto importanti per il Cosenza quelli conquistati a Melfi. Portano la firma di Allain Baclet che nella ripresa ha steso i lucani con una doppietta pesantissima. A margine di 45’ abulici, ne sono arrivati altri 45 disputati con la garra giusta e con grande attenzione. Per i rossoblù post-Roselli, due traferte e due vittorie.

Stefano De Angelis alla lettura delle formazioni non regala sorprese: manda in campo l’undici che ha giocato con il Matera sette giorni fa e porta il nuovo arrivato Letizia in panchina. In difesa D’Anna e Corsi vincono il ballottaggio con D’Orazio, mentre in mediana c’è Mungo e non Criaco. Il tridente, ad oggi intoccabile, vede Baclet al centro dell’attacco con Cavallaro e Statella ali. Bitetto risponde invece con il 4-3-3 dove De Vena, l’ex De Angelis e Foggia sono clienti scomodi. A centrocampo c’è il nuovo arrivato Marano.

Non è un Cosenza frizzante come quello della settimana scorsa, anche se l’avvio è veemente. Cavallaro di testa chiama subito al miracolo Gragnaniello, ma poi sono i padroni di casa a sfiorare in un paio di occasioni il vantaggio. La più clamorosa è con De Angelis che anticipa Blondett e di testa timbra il palo a Perina battuto. Sempre il vecchio attaccante dei Lupi semina il panico in area di rigore ed apparecchia per Obiang che arriva in ritardo. Il primo temp si conclude così, con i rossoblù da 6 meno meno.

La ripresa invece è da 7+. Dopo qualche minuto De Angelis capisce che se vuole strappare i tre punti deve osare. Fuori uno spento Mungo e dentro Letizia: sia passa al 4-2-3-1. La squadra appare ringalluzzita e regge il modulo a trazione anteriore grazie alla solidità di Tedeschi in difesa e alla concentrazione ritrovata di Baclet. Si fa male D’Anna, entra D’Orazio e poco dopo il Cosenza sfiora il gol con Baclet: ancora superlativo il numero uno del Melfi. Il francese, però fa solo le prove generali di quello che sarà. Al 35’ su uno schema di corner sblocca il risultato, al 45’ mette in ghiaccio i tre punti approfittando di un regalo della retroguardia ospite. Bravi tutti.

CRONACA.
1′ Batte il Melfi, partiti. I gialloverdi hanno perso De Giosa nel riscaldamento. Al suo posto Grea terzino e Moreo centrale.
2′ Subito Cosenza. Cross di Corsi dalla destra, Baclet di testa spara alto.
3′ Rossoblù subito ad un passo dal gol. Mungo scodella per Cavallaro, la zuccata è perfetta ma Gragnianiello vola e devia in corner.
11′ Il Melfi reclama un penalty per un presunto fallo ai danni di De Angelis da parte di Mungo.
16′ Primo tiro del Melfi: ci prova Vicente dal limite. Palla deviata, corner senza esito.
19′ De Angelis prova l’azione personale e conclude verso Perina. Palla di poco alta.
29′ Mungo ci prova col destro: conclusione debole.
30′ Palo del Melfi. Crossa Grea, De Angelis di testa e timbra il palo anticipando Blondett.
39′ Palla sulla mano di Obeng al limite dell’area di rigore. Mostrodonato sorvola giudicandolo involontario.
42′ De Angelis semina il panico in area di rigore e serve Obeng a centro area dopo aver fatto secco ancora Blondett. Per un soffio il colored non arriva in tempo all’appuntamento con il gol.
44′ Conclusione sbilenca di D’Anna, bersaglio lontano.
45′ Vicente da 35′ metri costringe Perina a concedere il corner.
45’+1 Squadre negli spogliatoi.
SECONDO TEMPO
1′ Squadre in campo senza alcuna sostituzione. Batte Baclet
3′ De Vena mette a sedere Corsi su un filtrante di Foggia e calcia sulla schiena di Blondett dilapidando un’occasione clamorosa.
5′ Dentro Letizia e dentro Mungo: Cosenza con il 4-2-3-1
9′ Primo giallo del match: Vicente stende Statella su una ripartenza.
11′ Secondo miracolo, ancor più del primo, di Gragnianiello su Baclet che già aveva gridato al gol dopo una zuccata perfetta.
17′ Si fa male D’Anna. Entra D’Orazio: è l’esordio in rossoblù per lui.
20′ Contropiede del Cosenza innescata da Statella che serve Cavallaro dopo un velo di Baclet: occasione dilapidata.
35′ Cosenza in vantaggio. Schema su corner: Statella appoggia dietro per Ranieri che scodella in mezzo. Baclet elude la retroguardia lucana e gonfia la rete: 0-1
43′ Esce Cavallaro ed entra Meroni. Cosenza disposto con il 3-4-3.
45′ Ancora Baclet! Si scontrano Gragnaniello e Laezza e la palla resta incustodita in area di rigore. Ne approfitta il francese che fa 2-0
45′ Concessi 5′ di recupero
45’+5′ Squadre negli spogliatoi. Ha vinto il Cosenza.

 

Il tabellino:
MELFI (4-3-1-2): Gragnaniello; Grea, Romeo, Laezza, Bruno; Marano, Vicente (24′  st Esposito), Obeng; Foggia; De Angelis, De Vena. A disp.: Gava, De Giosa, Lodesani, Ferraro, Sciretta, Gammone, De Montis, Mangiacasale. All.: Bitetto
COSENZA (4-3-3): Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, D’Anna (17′ st D’Orazio); Mungo (5′ st Letizia), Ranieri, Caccetta; Statella, Baclet, Cavallaro (43′ st Meorni). A disp.: Saracco, Madrigali, Bilotta, Capece, Criaco. All.: De Angelis
ARBITRO: Mastrodonato di Molfetta
MARCATORI: 35′ st e 45′ st Baclet (C)
NOTE: Spettatori circa 1000 con rappresentanza di tifosi ospiti.  Ammoniti: Vicente (M), D’Orazio (C), Grea (M); Angoli: 6-5 per il Melfi; Recupero: 1′ pt – 5′ st

Related posts