Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallanuoto M., il Cosenza di Perez a caccia del primo successo

Pallanuoto M., il Cosenza di Perez a caccia del primo successo

Il Settebello gioca in trasferta contro l’Ossidiana. A spronare il gruppo è il capitano Ponte: « Nel gruppo però c’è fiducia e partiamo con la grinta di chi vuole completare un importante blitz».

Obiettivo prima vittoria stagionale per la Cosenza Nuoto di Amaurys Perez, impegnata nel campionato di Serie B. Dopo l’esordio sfortunato, che ha visto il settebello rossoblu cadere in casa contro una buona Acese, arriva la prima trasferta contro l’ostica Ossidiana. non sarà un test facile, ma in settimana i ritmi si sono alzati, e l’amichevole con il Crotone è servita a rodare i meccanismi di gestione della gara. Contro l’Ossidiana, in un match che si disputerà oggi e che sarà diretto dal signor Acierno, Perez verificherà lo stato dei suoi e cercherà dalla sua squadra risposte da trasformare in punti in classifica. I mezzi non mancano, e la reazione mostrata con l’Acese, in vantaggio all’esordio e quasi raggiunta durante la gara, è un buon punto di partenza. Di sicuro non manca la condizione fisica a Ponte e compagni, decisi a ripartire con grinta e soprattutto punti pesanti. E’ proprio il capitano di Cosenza a presentare la gara.

«Partiamo in trasferta cercando un successo – sottolinea Costantino Ponte – perché per noi non conta se giochiamo in casa o lontano da Campagnano. Ci alleniamo per vincere sempre e di sicuro sarà un match molto combattuto. Troveremo avversari che ci daranno filo da torcere, ma sono sicuro che possiamo dire la nostra. In settimana abbiamo preparato la gara con concentrazione e tanta determinazione. Mi aspetto di vedere queste qualità espresse in vasca perché non serve a nulla lavorare sodo se poi non trovi i risultati. Nel gruppo però c’è fiducia e partiamo con la grinta di chi vuole cercare il primo successo stagionale». Poi un pensiero alla gara dell’esordio. «La partita con l’Acese – confessa il marcatore di Perez – ci ha fatto capire alcune cose importanti. Sul piano fisico stavamo bene ma è mancato un giusto approccio alla gara e probabilmente dovevamo prenderci qualche responsabilità in più al momento di concludere con cattiveria in porta. Ciò non toglie che si sono viste cose buone e da quelle bisogna ripartire per rimetterci sulla giusta»

Related posts