Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mendicino: «Siena capitolo chiuso. Cosenza è un salto di qualità»

Mendicino: «Siena capitolo chiuso. Cosenza è un salto di qualità»

Il nuovo centravanti Ettore Mendicino sottolinea: «Ho chiesto la cessione quando mi ha chiamato Valoti. Mi piacerebbe esprimermi nel 4-2-3-1, ma sono a disposizione del tecnico».

Ettore Mendicino è l’uomo su cui il Cosenza ha deciso di puntare per i prossimi due anni e mezzo. Il contratto fattogli sottoscrivere da Via degli Stadi se da un lato rileva quello firmato di recente a Siena, dall’altro rappresenta l’accordo più lungo mai fatto stipulare da Guarascio ad un calciatore in entrata. Lo stesso trattamento (triennale) è stato riservato in precedenza solo a Blondett e Perina, che però hanno prolungato il loro rapporto con il club.

Su Mendicino è pronto a scommettere Aladino Valoti. E’ stato il ds ad esercitare una corte serrata sul centravanti e ad andare in pressing sul Siena. E’ stata la mossa che ha fatto saltare il banco. «Ero il capitano della squadra e sul perché abbiano deciso di lasciarmi andare bisognerebbe chiedere a loro e non a me – spiega nel corso della presentazione ufficiale – Io ho espresso la volontà di essere ceduto solo quando ho ricevuto la chiamata di Valoti. A Siena ormai si era creata una situazione che non mi piaceva. Indossando la fascia ci mettevo la faccia, assumendomi tutte le responsabilità del caso. Anche sotto il profilo del gioco non rendevo per come avrei potuto».

Il Marulla e il ritorno nella sua Calabria è stata una svolta. «Guardando al trasferimento posso dire di averci guadagnato, almeno per ciò che concerne la classifica – sottolinea Mendicino – In estate andai incontro alle esigenze dei bianconeri, ora lo hanno fatto loro. Ringrazio pertanto il Siena di avermi dato possibilità di trasferirmi altrove».

Ad attenderlo il Cosenza e una prospettiva importante all’orizzonte. Per il futuro sarà l’attaccante titolare, il terminale offensivo su cui poggiano le aspettative di società e tifoseria. A Vibo Valentia pochi minuti e pochi palloni giocabili, lunedì sera nel derby con la Reggina spera di dare un contributo maggiore. «Mi piacerebbe esprimermi nel 4-2-3-1 – chiude Mendicino – ma dobbiamo farci trovare pronti a tutto. L’accoglienza ricevuta è stata molto sentita. Sembra di stare in una grande famiglia: a partire dall’allenatore a finire ai magazzinieri, è un gruppo di lavoro ben affiatato». (a. c.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it