Cosenza Calcio

Cosenza, sorrisi e musi lunghi. Netta differenza tra vecchia e nuova guardia

De Angelis si ritrova a combattere anche con una situazione imprevista: l’umore non ottimale di alcuni elementi che appartengono al gruppo storico del Cosenza.

A Francavilla non si può sbagliare. Rischia di diventare uno di quei luoghi comuni del pallone, ma davvero il Cosenza non può permettersi di perdere altro terreno dal quinto posto sabato pomeriggio. I padroni di casa sono la formazione più in forma del campionato e provengono da sei vittorie consecutive tra le mura amiche. Soltanto Lecce e Foggia sono riuscite a violare il Giovanni Paolo II, il Monopoli ha invece strappato uno 0-0. Tutte le altre compagini transitate sul sintetico dei biancazzurri sono inesorabilmente capitolate.

La prospettiva per De Angelis non è esaltante, ecco perché ha ribadito allo spogliatoio di stringere i denti e sacrificarsi per la causa comune. Ad essere precari non sono soltanto lui e il ds Valoti, ma buona parte dell’organico e della vecchia guardia.

A proposito della vecchia guardia, è evidente come l’umore di molti sia sotto i tacchi. Si tratta dell’altra faccia della medaglia, visto che i nuovi arrivati e qualche elemento rispolverato dal tecnico dopo l’era Roselli hanno uno smile stampato sul viso. Le cause dei musi lunghi sono svariate e vanno dai mancati rinnovi contrattuali ad un rendimento discontinuo, passando per un minutaggio ritenuto insufficiente. L’appiattimento dei vari Caccetta, Tedeschi, Criaco e Blondett cozza con il dinamismo di D’Orazio, Calamai, Letizia e Mendicino che, per la voglia di mettersi in evidenza, spesso tendono a strafare senza ragionare a fondo. Insomma, soltanto adesso il trainer romano si sta rendendo conto di come sia difficile essere l’allenatore del Cosenza.

Il diktat societario ad ogni modo è chiaro. Lo stesso Valoti ha ribadito che il club non si farà distrarre dalle scadenze e che tutti dovranno guadagnarsi la riconferma sul campo. Se da un lato si può interpretare il segnale come uno sprone a dare tutto per la maglia, dall’altro si lascia trasparire più di un dubbio sulle possibili riconferme. Il progetto tecnico futuro è possibile che preveda rivoluzioni in ogni zona del campo e non sarebbe la prima volta che accade nel calcio. Pertanto non ci sarebbe da meravigliarsi se l’obiettivo fosse migliorarsi al contrario di quanto avvenuto a luglio scorso. (Alessandro Storino)

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina