Tutte 728×90
Tutte 728×90

Intimidazione a Gianni Papasso, Franz Caruso è al suo fianco: «Insieme per contrastare il malaffare politico-mafioso»

Intimidazione a Gianni Papasso, Franz Caruso è al suo fianco: «Insieme per contrastare il malaffare politico-mafioso»

«L’odio sparso prima, durante e dopo la campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale di Cassano all’ Jonio, continua a produrre i suoi effetti. Il grave atto intimidatorio consumato ai danni del Sindaco Gianni Papasso ne è solo l’ulteriore conferma».

Pensieri e parole di Franz Caruso, segretario provinciale del Psi di Cosenza, nonché noto penalista del foro di Cosenza. In questo caso il politico, nonché amico personale di Gianni Papasso, intende stare vicino sia alla figura istituzionale che all’uomo. «Che a Cassano e nella Sibaritide imperversi la ‘ndrangheta è cosa risaputa. Che Gianni Papasso ne sia stato nel corso della sua vita fiero oppositore è altrettanto certo. Il punto è vedere se atti gravi e vili quale quello odierno sono frutto di una strategia del terrore, riferibile alle compagini criminose presenti sul territorio, ovvero di una strategia politica che, trincerandosi dietro le forme cruenti e pericolose proprie dell’azione mafiosa, cerca di indurre un Sindaco trasparente, corretto e bravo ad abbandonare il campo. Perché non c’è dubbio che anche il più coraggioso degli amministratori non può e non deve trasformarsi in un eroe».

Se conosco bene Gianni Papasso (e lo conosco bene), so che non si lascerà intimidire e continuerà nella sua azione di trasformazione e di cambiamento di Cassano. Ma ciò sarà possibile solo se le forze politiche, i singoli rappresentanti politici, la città di Cassano, sapranno emarginare gli “spargitori di odio e di veleno” e sostenere il Sindaco Gianni Papasso nella sua azione di contrasto al malaffare politico-mafioso che si annida in quella parte minoritaria della città che non vuole arrendersi al cambiamento ed al rinnovamento».

Franz Caruso aggiunge che «alle Forze dell’Ordine ed alla Magistratura il compito di individuare e consegnare alla giustizia l’autore o gli autori di così allarmanti e devastanti gesti per la vita di un uomo e della sua famiglia. A noi, il compito di stare a fianco di Gianni Papasso, compagno di tante lotte per il riscatto del nostro territorio e per la sua crescita sociale, economica e culturale, sapendo che solo i valori della legalità, della trasparenza e della efficienza nella Pubblica Amministrazione varranno ad evitare il ritorno nelle nostre comunità dei tempi bui del passato. Lungo è il cammino e tanto ancora c’è da fare per giungere alla meta ma noi socialisti della provincia di Cosenza ci saremo. Saremo al fianco di Gianni Papasso e di tutti gli amministratori onesti e capaci del nostro territorio impegnati nell’azione di contrasto alla violenza mafiosa, politica e del malaffare che è il cancro della nostra regione», conclude il suo intervento.

Related posts