Tutte 728×90
Tutte 728×90

Squalifiche e infortuni, tutte le grane di De Angelis

Squalifiche e infortuni, tutte le grane di De Angelis

Il Cosenza inizia oggi una settimana di lavoro diversa dalle altre. Il tecnico dovrà fare i conti con una serie di defezioni che modificheranno ancora l’idea tattica di partenza.

Oggi pomeriggio ripartirà la consueta settimana di lavoro per il Cosenza e De Angelis sa bene che non saranno cinque giorni come gli altri. Il quinto posto dista ormai 7 punti, pertanto la sfida contro il Fondi si carica di importanza per blindare l’ultima posizione utile a disputare la prima fase dei playoff in casa.

Nell’analizzare il cammino del recente periodo bisogna partire da un presupposto: a tradire il tecnico rossoblù sono stati errori dei singoli e non di organizzazione collettiva. Il Cosenza gioca un calcio a tratti divertente e crea diverse palle gol, alcune delle quali studiate in allenamento. Basta seguire le sedute quotidiane per rendersi conto, specialmente sulle rimesse laterali e sui calci franchi, che esiste una vasta gamma di soluzioni da cui attingere. I nuovi arrivati si stanno applicando molto per calarsi nella parte e non lesinano sudore per conservare la maglia da titolare che gli è stata subito affidata.

A Francavilla il gruppo non è andato mai in sofferenza e nella ripresa ha schiacciato i pugliesi nella propria metà campo. Dei tre punti in palio nemmeno uno ne è arrivato a Cosenza, ma le nitide palle-gol prodotte da Statella e compagni sono state almeno sei, prova che prima o poi la ruota tornerà a girare per il verso giusto. Nel frattempo De Angelis si ritrova a dover inventare da zero la formazione che affronterà i laziali.

D’Anna è ancora ko, Scalise ha esordito con una vittoria sulla panchina degli Allievi, Corsi sarà squalificato. L’abbondanza di terzini è un lontano ricordo al punto che Blondett dovrebbe slittare sull’out di destra lasciando spazio a Meroni. Altra brutta gatta da pelare è il rosso sventolato a Letizia. Senza di lui il 4-2-3-1 non ha senso, lecito ipotizzare che si lavori di nuovo sul 4-3-3. La speranza è recuperare almeno Caccetta e Mungo per la panchina, l’ex Pistoiese sarebbe una freccia in più. (Alessandro Storino)

Related posts