Tutte 728×90
Tutte 728×90

Emergenza criminalità, Covelli: «Attivare le telecamere». La Santelli: «Serve sinergia col Viminale»

Emergenza criminalità, Covelli: «Attivare le telecamere». La Santelli: «Serve sinergia col Viminale»

La terribile escalation di episodi di microcriminalità intensificatisi negli ultimi giorni a cadenza quasi quotidiana ci fanno capire, ove mai ce ne fosse ancora bisogno, che le istituzioni non possono stare a guardare inermi». Lo sostiene Damiano Covelli, capogruppo del PD nel Consiglio comunale di Cosenza.

«Alle dichiarazioni di qualche settimana fa del Procuratore della Repubblica Mario Spagnuolo – sottolinea Damiano Covelli – si aggiunge oggi il grido d’allarme del Questore di Cosenza, dott.Luigi Liguori. Il Questore è stato chiaro: va riattivato al più presto il sistema di videosorveglianza in città che funge senz’altro da vero deterrente nei confronti dei furti e delle rapine che si stanno verificando, ormai a ritmo incessante, ma soprattutto può rivelarsi di grande aiuto alle forze dell’ordine per fare meglio il loro lavoro».

«I cittadini sono seriamente preoccupati e la sensazione che si fa strada in queste ore è quello della paura. Sull’argomento avevamo richiamato, prima ancora che venisse superato il livello di guardia degli episodi criminosi, l’attenzione dell’Amministrazione comunale e del Sindaco sulla necessità di ripristinare la funzionalità dell’impianto di videosorveglianza di cui Cosenza e Rende si erano dotate nel 2010, grazie ad un finanziamento del Ministero dell’Interno e del PON Sicurezza. Da assessore alla sicurezza nella giunta Perugini avevo seguito da vicino – sottolinea ancora Covelli – la fase della installazione dell’impianto fino al suo completamento con il posizionamento delle telecamere in gran parte della città».

Il consigliere comunale del Pd Damiano Covelli
Il consigliere comunale del Pd Damiano Covelli

La realizzazione dell’impianto di videosorveglianza consentiva il collegamento diretto con le centrali della Questura e dei Carabinieri. Insomma, uno strumento in grado di accrescere la sicurezza dei cittadini. Purtroppo, così non è stato, perché la manutenzione successiva dell’impianto e che ne avrebbe dovuto garantire il corretto funzionamento, non è stata garantita. Senza un adeguato sistema di videosorveglianza è come se l’azione di contrasto alla criminalità da parte delle forze dell’ordine restasse monca e con un’arma spuntata. Ecco perché – afferma inoltre il capogruppo del PD a Palazzo dei Bruzi – avevamo già richiesto, seguiti oggi anche da chi, nella maggioranza, ha la capacità di porre l’accento sui problemi veri della città, una convocazione straordinaria del Consiglio comunale sull’argomento».

«Il Presidente del Consiglio comunale ed il Sindaco della città hanno il dovere di convocare una seduta straordinaria dell’assise comunale, aperta agli interventi del Prefetto, del Questore, del Comandante Provinciale dei Carabinieri e degli altri vertici delle forze dell’ordine, per analizzare attentamente l’entità e l’incidenza dell’escalation degli attuali e preoccupanti fenomeni criminosi e per individuare quali provvedimenti occorre adottare, a cominciare dal ripristino immediato e senza ulteriori indugi o tentennamenti del sistema di videosorveglianza presente sul nostro territorio, per assicurare ai cittadini quella sicurezza che, alla luce degli ultimi episodi delittuosi, è seriamente minacciata e messa in pericolo», conclude Covelli.

PARLA IL VICESINDACO. «Ho letto con attenzione le considerazioni del  procuratore aggiunto Marisa Manzini sull’emergenza sicurezza a Cosenza e ne condivido appieno l’analisi».

Lo dichiara il vice sindaco on. Jole Santelli, aggiungendo: «Sarebbe fuorviante oltre che pericoloso e diseducativo sostenere che questo sia l’effetto della mancanza di controllo delle organizzazioni criminali sul territorio, determinato dall’arresto dei capoclan. Oggi nella nostra città, come del resto comprovato dalle recenti indagini della Procura, esiste un problema serio legato alla criminalità da traffico di stupefacenti, che non credo – precisa – sia solo  frutto di assenza di lavoro ma anche di un sistema compromesso, che per una soluzione positiva  necessita di un lavoro sinergico».

Il vicesindaco Jole Santelli
Il vicesindaco Jole Santelli

«Per quel che riguarda la videosorveglianza, è necessaria un’azione congiunta che sia di sostegno all’importante attività, già avviata dalla Prefettura, di sollecitazione nei confronti del Viminale, per arrivare all’attivazione del sistema di videosorveglianza che, quando fu varato anni fa, era innovativo, mentre oggi è in disuso e va necessariamente riattivato sulla base di nuove esigenze tecnologiche», dice la Santelli.

«Siamo consapevoli che la gara è stata già attivata ma è necessario che le Istituzioni, tutte, facciano la loro parte, sollecitando la celerità dei lavori, data la necessità di dotare la città d’un servizio ahimè attualmente non utilizzabile. Per parte nostra, come Comune, ricordo che già avevamo interloquito col Viminale offrendoci, nello spirito di condivisione che ci contraddistingue,  per i lavori di manutenzione che purtroppo non è stato realizzabile perché, per ragioni di privacy, il Ministero non poteva cedere immagini alla Polizia municipale per i propri scopi di sicurezza urbana. Il che ci ha fatto optare ad attivare una rete di telecamere comunale, fermo restante la nostra completa disponibilità all’utilizzo delle immagini di nostra pertinenza, per le forze di Polizia».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it