Serie C

Il programma di Tavecchio: «Solo 40 squadre in Lega Pro e più soldi»

Il presidente della Figc si è ricandidato e spiega il suo programma dalla Serie A («solo due retrocessioni») alla Serie D. In mezzo importanti riforme per la B e la vecchia Serie C.

Ieri pomeriggio Carlo Tavecchio e Andrea Abodi hanno depositato le loro candidature per il posti di presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio. L’assemblea elettiva è stata convocata per il 6 marzo a Fiumicino. Entrambi hanno tempo due settimane per trovare i voti necessari per imporsi, contando, oltre che sui rispettivi programmi, Tavecchio sui risultati dei suoi due anni e mezzo di gestione.

Il programma di Tavecchio è già noto da qualche giorno. L’attuale numero uno della Figc sottolinea i progetti che la federazione sta portando avanti sullo sport di base, sull’impiantistica, sul calcio femminile. Idee chiare sul delicato tema della riforma dei campionati: una serie A a 20 squadre, almeno sino alla stagione 2020/21, con magari due sole retrocessioni dirette, e una serie B da portare in tre stagioni a 20 squadre, con a regime due promozioni e tre retrocessioni. Le risorse liberate andrebbero a vantaggio della serie B e della Lega Pro.

SERIE A. «Nel rispetto della volontà più volte espressa dalla maggioranza delle sue società e anche dalle componenti tecniche, non sembra attualmente percorribile la riduzione del numero di squadre – si legge nel programma elettorale di Tavecchio -. Occorre lavorare su una Serie A a 20 squadre, almeno sino alla stagione 2020/21». L’obiettivo è una maggiore stabilità economica da raggiungere «con la previsione di due sole retrocessioni e non tre com’è attualmente, lasciando aperta la valutazione della formula delle due retrocessioni dirette più una decisa con lo spareggio tra una squadra di Serie A ed una di Serie B». Insomma «da questa modifica – prosegue il programma di Tavecchio – si possono liberare 30 milioni di euro dal monte dei 60 milioni che attualmente sono in budget alla Serie A per il “paracadute”. Questi 30 milioni possono essere destinati 30 alla Serie B e 10 alla Lega Pro. A costanza di budget complessivo così destinato al paracadute (30 milioni annui) eventuali risorse che si potrebbero liberare per l’immediata  – o nell’anno successivo – promozione in A dei club retrocessi, sarebbero destinate per 2/3 alla B e 1/3 alla Lega Pro. In questo modo la Serie A non avrebbe costi aggiuntivi rispetto a quelli attuali e avrebbe un vantaggio di stabilità derivante dalle 2 retrocessioni stabili invece di 3. Nella peggiore delle ipotesi potrebbe avere un’aggiunta di budget di massimo 3 milioni per la Lega Pro».

SERIE B. Per Tavecchio è fondamentale «arrivare ad avere in tre stagioni un format a 20 squadre, con a regime due promozioni e tre retrocessioni». Dal punto di vista economico ovviamente ci sarebbe un’impennata  visto che si punta ad «arrivare alla mutualità del 7,5% dei diritti tv provenienti dalla Serie A quantificabili al momento in 90 milioni», obiettivo «comunque raggiunto mediante i correttivi di cui sopra (66 ex legge Melandri, 20 ex paracadute, 5 ex emendamento Fanucci)». La mutualità, in questo modo, arriverebbe a coprire «il 40% dei costi medi di ogni società».

LEGA PRO. Il punto che interessa maggiormente al Cosenza è quello relativo alla vecchia Serie C, dove si pensa di «ridurre le squadre in 3/4 stagioni a 40 (2 gironi da 20) tramite blocco dei ripescaggi per i primi due anni e/o un meccanismo che preveda l’aumento del numero di retrocessioni per il terzo anno o minor numero di promozioni dalla Serie D». In questo modo verrebbero meno 20 club degli attuali 60 e si arrivaerebbe a regime «con 3 promozioni e 6 retrocessioni». Per il lato economico, Tavecchio punta ad «arrivare alla mutualità di 40 milioni, che in questo modo è assicurato (22 ex Legge Melandri, 10 ex paracadute, 5 ex emendamento Fanucci, 3 extra contributo)», coprendo con la mutualità sempre il 40% dei costi medi di ogni società.

SERIE D. Pronta anche una nuova veste per i dilettanti. «La mia idea di riforma dei campionati di Serie D – conclude il documento – è la creazione in 3 anni di una “D Elite” composta da 4 giorni da 18 squadre e una Serie D con 8 gironi da 18, con 6 promozioni e 12 retrocessioni».

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina