Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Angelis alza i ritmi, la formazione è (quasi) pronta

De Angelis alza i ritmi, la formazione è (quasi) pronta

Nel pomeriggio lunga esercitazione di tattica per il Cosenza. Il 4-3-3 è il modulo scelto da De Angelis per affrontare il Fondi. Dall’infermeria notizie incoraggianti, ma alcuni calciatori non sono al top.

La formazione con cui il Cosenza affronterà il Fondi sabato pomeriggio sembra cosa fatta. O almeno questo Stefano De Angelis ha lasciato intendere oggi pomeriggio nel corso di una lunga esercitazione di natura tattica svolta sul sintetico della Popilbianco sotto gli occhi attenti del direttore sportivo Aladino Valoti. Il trainer romano ha al massimo un paio di dubbi, ma le percentuali tra i calciatori in ballottaggio sono in entrambi i casi sbilanciate da una sola parte.

Il primo riguarda l’uomo che guiderà l’attacco dei rossoblù: Mendicino è stato preso in consegna dal fisioterapista Suriano e restituito all’allenatore in tempo per la sessione odierna, mentre Baclet non ha forzato pur rientrando parzialmente in gruppo. Tutto lascia credere che sia l’ex Siena a posizionarsi al centro del tridente con Cavallaro e Statella, ristabilito pienamente, a giostrare sulle ali. Il secondo riguarda invece la terza maglia da assegnare a centrocampo. La novità riguarda Capece: toccherà a lui giocare dal 1′ insieme a Calamai. Per completare il pacchetto Caccetta insidia Ranieri, ma il capitano dovrebbe accomodarsi in panchina.

In difesa scocca l’ora di Meroni: si posizionerà alla sinistra di Tedeschi con Blondett ad agire da terzino destro. Perina in porta e D’Orazio sull’out mancino completeranno la linea difensiva.

Domani mattina al Marulla, a partire dalle 11, si svolgerà invece la rifinitura. E’ in quella occasione che De Angelis ribadirà ai suoi uomini l’intenzione di puntare sul 4-3-3 e proverà nuovamente una serie di schemi su calcio piazzato. In settimana è stata prestata grande attenzione alle palle ferme: un obbligo in Lega Pro dove basta un episodio per indirizzare una partita. (Francesco Pellicori)

Related posts