Dall' ItaliaDalla Calabria

‘Ndrangheta a San Siro nelle gare del Milan: «C’è un’indagine a Catanzaro». Pecoraro chiarisce anche la posizione del Crotone

Lo ha affermato il procuratore della Federazione italiana gioco calcio, Giuseppe Pecoraro, che ha poi spiegato che ne ha parlato un collaboratore. Sempre alla commissione antimafia il capo della procura federale ha parlato della Juventus e del Crotone.

«C’è una indagine in corso della procura di Catanzaro che riguarda alcuni soggetti per attività criminali su operazioni adiacenti allo stadio di San Siro per servizi di catering» che poi vengono effettuati all’interno dello stadio nelle partite del Milan. Lo ha affermato il procuratore della Federazione italiana gioco calcio, Giuseppe Pecoraro, che ha poi spiegato che ne ha parlato un collaboratore. Pecoraro ha precisato che la procura sportiva «non ha procedimenti sul Milan», in quanto la procura di Milano non ha aperto procedimenti che riguardano il rapporto tra il Milan e la ‘ndrangheta.

LA JUVENTUS. Dai documenti arrivati dalla Procura di Torino, «si evidenzia che Saverio Dominello e il figlio Rocco sono rappresentanti a Torino della cosca Bellocco Pesce di Rosarno. Rocco Dominello ha rapporti con la dirigenza Juve per la gestione di biglietti e abbonamenti». ha aggiunto Giuseppe Pecoraro all’Antimafia. «I dirigenti che hanno contatti con queste persone sono: Merulla, Carugo, D’Angelo e il presidente Agnelli». Anche il dg Marotta ha avuto rapporto seppure occasionali col mondo degli ultras ma non è stato coinvolto dalla conclusione indagini.

«Il procedimento nei confronti della Juve è iniziato col mio predecessore, Palazzi, il 2 agosto 2016. Io sono stato a Torino dal procuratore Spataro chiedendo notizie sul procedimento in corso e per dare la mia disponibilità», ha proseguito il procuratore Figc Giuseppe Pecoraro. «Il Procuratore Spataro ha dato ampia collaborazione, inviandoci numerosi atti; nel tempo sono arrivate più di 5 mila pagine», ha concluso l’argomento Juventus.

LA REPLICA DI AGNELLI. Il presidente della Juventus Andrea Agnelli, dopo aver appreso dalla stampa quanto dichiarato dal procuratore Pecoraro, ha scritto un tweet nel quale spiega che «nel rispetto di organi inquirenti e giudicanti ricordo che non ho MAI incontrato boss mafiosi. Ciò che leggo è FALSO. #finoallafine».

IL CROTONE. «Abbiamo aperto un provvedimento disciplinare nei confronti della società Latina e dell’ex presidente. Oltre all’allenatore Mark Iuliano ed a due giocatori. La protezione era di tale Di Silvio detto cià cià già» ha spiegato Giuseppe Pecoraro. «Vi era una frequentazione da parte dei giocatori con il Di Silvio e questo decideva chi dovesse entrare in curva, addirittura. Ci sono violazioni dell’articolo 1 bis del codice di giustizia sportiva, i giocatori si sentivano protetti da tale Di Silvio, organico alla criminalità organizzata». Pecoraro ha poi chiarito che «per quanto riguarda il Crotone, noi sappiamo che i fratelli Verna sono presidente e amministratore delegato della società. La Dda aveva chiesto il sequestro dei beni dei due fratelli, ma le richieste dei pubblici ministeri sono state rigettate anche in appello. Per cui sul Crotone se dovessero emergere situazioni non ci sono situazioni che possono incidere sulla attuale».

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina