Tutte 728×90
Tutte 728×90

Truffe, furti e lesioni persionali. I carabinieri denunciano tre persone

Truffe, furti e lesioni persionali. I carabinieri denunciano tre persone

Curioso il caso avvenuto a Luzzi dove una donna di 53 anni ha schiaffeggiato una ragazza di 35 per ragioni sentimentali sottraendole il telefonino dileguandosi.

A San Pietro in Guarano i militari della Stazione Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 53enne cosentino per il reato di furto aggravato. I militari operanti hanno infatti accertato che l’uomo, a Cosenza, nella mattinata del 9 marzo 2017, si era reso responsabile del furto di una centrifuga da un noto negozio di elettrodomestici sito in corso Mazzini. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

 

A Luzzi i militari della Stazione del posto hanno deferito in stato di libertà un 36enne di Francavilla Fontana (provincia di Brindisi), per il reato di truffa. I militari operanti hanno accertato che l’uomo, nella mattinata del 18 febbraio 2017, simulando un sinistro stradale, commetteva la classica truffa dello specchietto in danno di un 85enne di Luzzi facendosi consegnare la somma di 250€.

Inoltre è stata deferita in stato di libertà una 53enne di Siderno, residente a Luzzi (CS), per i reati di percosse, lesioni personali e furto. I militari operanti hanno accertato che la donna, nella serata dell’8 marzo 2017, per motivi sentimentali, dapprima schiaffeggiava, causandole lievi lesioni al volto, una 35enne e successivamente, nel dileguarsi, le asportava anche il telefono cellulare che veniva successivamente rinvenuto e riconsegnato alla legittima proprietaria.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it