Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fuscaldo-Morrone, la partita infinita. Dopo due mesi decisa la data del recupero

Fuscaldo-Morrone, la partita infinita. Dopo due mesi decisa la data del recupero

La partita era stata sospesa lo scorso 15 gennaio. Da lì disposto il recupero all’8 febbraio. Ma la Morrone ha impugnato la decisione arrivando davanti alla Corte d’Appello Sportiva territoriale di Catanzaro che ha invece confermato la ripetizione del match al prossimo 29 marzo.

 

Ci sono voluti quasi due mesi per una decisione definitiva ma, a quanto pare, il big-match del Girone B di Seconda Categoria tra Fuscaldo ed A.C. Morrone, si recupererà il prossimo mercoledì 29 marzo alle ore 15,00. C’è voluta una delibera della Corte d’Appello Sportiva territoriale per arrivare ad una decisione definitiva dopo un tira e molla estenuante. La partita, valevole per l’11^ giornata di campionato, era stata sospesa lo scorso 15 gennaio quando, a 17 minuti dalla fine del match e con il punteggio di 1-0 per la squadra ospite, era scoppiato un parapiglia tra i calciatori delle due squadre che aveva costretto l’arbitro Miscimarra di Lamezia Terme a sospendere la gara (certamente in modo frettoloso). Da lì un primo rinvio del Giudice Sportivo che dopo un paio di settimane, fissa la data della ripetizione del match all’8 febbraio.

La Morrone però non ci sta ed impugna la decisione sostenendo che:
“la responsabilità dell’accaduto sia esclusivamente da ricondurre in capo ai componenti della panchina della società Fuscaldo Calcio 1973 i quali, a suo dire, avrebbero approfittato di un fallo di gioco commesso da un calciatore della società Atleti Cosenza Morrone, per fare ingresso sul terreno di gioco al fine di aggredire i calciatori della società avversaria, spinti dall’obiettivo di fare sospendere la gara che, al momento dell’interruzione, il Fuscaldo stava perdendo per 0-1;
– a loro volta, i componenti della panchina della società Atleti Cosenza Morrone, dopo “essere rimasti inizialmente fermi ed attoniti dinanzi a tale comportamento”, sono corsi in campo al fine di difendere i propri compagni aggrediti;
– in nessun punto del rapporto di gara emergerebbe una sola responsabilità della società Atleti Cosenza Morrone, i cui calciatori, anzi, hanno difeso il direttore di gara dall’aggressione verbale e dal tentativo di aggressione fisica consumato dal dirigente del Fuscaldo”.

Ed ecco il via di un proseguio delle indagini con nuova testimonianza dell’arbitro Miscimarra fino all’epilogo con la decisione della Corte Sportiva d’Appello Territoriale di Catanzaro che conferma invece la ripetizione della partita che viene fissata dal Comitato Provinciale di Cosenza per il prossimo 29 marzo alle ore 15,00 presso lo Stadio “G. Zicarelli” di Fuscaldo.
In classifica le cose sono rimaste pressochè immutate tra le due compagini con la Morrone prima che distanzia il Fuscaldo di soli 2 punti. Tra l’altro, appena 10 giorni dopo, le due squadre si ritroveranno di fronte a Cosenza per l’ultima giornata di campionato. Due incontri ravvicinati che potrebbero davvero decidere le sorti di questo appassionante campionato di Seconda Categoria. (Alessandro Storino)

Related posts