Tutte 728×90
Tutte 728×90

Sesso a pagamento a Bisignano, gli indagati non rispondono alle domande del gip

Sesso a pagamento a Bisignano, gli indagati non rispondono alle domande del gip

Dopo aver passato i primi giorni in carcere senza la possibilità di interloquire con i rispettivi difensori di fiducia, Ermanno Prezioso e Francesco Pugliese, finiti in cella per l’inchiesta della procura di Catanzaro sul giro di prostituzione minorile di Bisignano, ieri mattina hanno avuto la possibilità di spiegare tutto al gip di Cosenza che ha tenuto l’interrogatorio di garanzia. 

I due, raggiunti dall’ordinanza di custodia cautelare vergata dal gip Distrettuale Barbara Saccà, hanno scelto di non rispondere alle domande del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cosenza. All’interrogatorio erano presenti anche gli avvocati Gianluca Garritano, difensore di Prezioso, e Piergiuseppe Cutrì, difensore di Pugliese. Quest’ultimo ha rilasciato una breve dichiarazione spontanea al giudice, dichiarando di essere estraneo ai fatti che gli vengono contestati dal pm Debora Rizza e dai carabinieri della Compagnia di Rende. L’altro indagato, Gianluca Cipolla, è agli arresti domiciliari. (a. a.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it