Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Angelis: «Cosenza, conta l’approccio e la mentalità»

De Angelis: «Cosenza, conta l’approccio e la mentalità»

Il tecnico rossoblù De Angelis in vista del match con il Lecce: «Battere i giallorossi darebbe morale alla squadra, in più un’affermazione farebbe aprire nuovi scenari a noi favorevoli».

Gara cruciale, l’ennesima. Sembra diventato ormai un ritornello, ma per il Cosenza ogni partita è decisiva in ottica playoff. I rossoblù vanno alla ricerca almeno della settima posizione, piazzamento che consentirebbe a De Angelis di disputare tra le mura amiche la prima partita degli spareggi promozione. Sarebbe l’esordio assoluto per i Lupi che in 103 anni di storia, tra i professionisti, non si sono mai cimentati nella post-season.

La contesa, visto quanto successo in estate, ha assunto negli ultimi mesi un significato particolare. Dai biglietti staccati, meno di 700, sembra però che interessi più a Guarascio che alla tifoseria. De Angelis sull’argomento si esprime così. «Non c’è bisogno di caricare ulteriormente il match perché lo fa da solo. Per entrambe le formazioni ha un peso specifico enorme. Per i giallorossi , però, sarà un vero e proprio crocevia perché il Foggia gioca in casa e ritrovarsi a cinque o sei punti di distacco poi diventerebbe dura».

La partita di Caserta ha messo in evidenza un primo tempo da bocciare e una ripresa più frizzante. «E’ un problema che ci portiamo dietro da un po’ di tempo – continua De Angelis – Aspettiamo di prendere uno schiaffetto per reagire. L’approccio sarà fondamentale perché non è un modulo a fare la differenza, ma la mentalità. Ogni qual volta la squadra è stata unita e compatta si è fatto bene. Non considero importante lo schema di gioco, anche se per chi fa il giornalista lo è, ma sta tutto nella testa. Tocca tirare fuori il carattere: abbiamo le qualità per giocarcela con tutti quanti».

Per ciò che concerne gli avversari, De Angelis è consapevole che le individualità presenti nell’organico dei salentini siano in grado di far pendere dal lato sbagliato il piatto della bilancia. «Con l’organico che ha il Lecce, con quei calciatori di categoria superiore, dubito che lotti per un risultato che non sia la vittoria. E’ un collettivo costruito per il primo posto, ma anche il Foggia che ha la stessa qualità».

Battuta finale su un calcolo delle probabilità. Superando il Lecce, si consegnerebbe definitivamente il campionato al Foggia, ospite del Cosenza all’ultima giornata. «A prescindere da questo, credo che i tre punti valgano doppio perché nel caso avremmo la meglio di una delle compagini più forti del campionato – chiude De Angelis – Un’affermazione darebbe morale ai ragazzi in vista del rush finale e si aprirebbero degli scenari a noi favorevoli».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it