Tutte 728×90
Tutte 728×90

Lecce col morale sotto i tacchi e Padalino nel mirino dei tifosi. Ecco come arriva a Cosenza

Lecce col morale sotto i tacchi e Padalino nel mirino dei tifosi. Ecco come arriva a Cosenza

I giallorossi  del Lecce saranno privi di Cosenza e di Mancosu. A centrocampo più Fiordilino di un acciaccato Arrigoni, anche Ciancio non è al top. In avanti con Caturano e Torromino probabilmente ci sarà Lepore.

Il Lecce è finora la squadra che ha fatto meglio lontano dalle mura amiche conquistando 30 punti, vale a dire uno in più del Foggia che però ha disputato un match in meno in trasferta. Il grande rendimento esterno, tuttavia, non è sufficiente a guardare tutti dall’alto verso il basso. Sono i Satanelli ad occupare la prima posizione in classifica e ad aver staccato i salentini di quattro punti. Nello scontro diretto dello Zaccheria nessun appello: la squadra di Stroppa si è dimostrata superiore in tutto e per tutto infliggendo ai cugini un pesante 3-0. Da quel pomeriggio al Via del Mare è l’inferno: contestazione durissima a Padalino e squadra invitata a mostrare gli attributi. Il silenzio stampa imposto dal club, insieme ad una serie di allenamenti a porte chiuse, è finalizzato ad isolare la squadra.

La formazione allenata da Pasquale Padalino utilizza da inizio stagione il 4-3-3, salvo a Messina dove si è presentata con il 4-2-4. Nel match di domani al Marulla mancheranno di sicuro il difensore Cosenza squalificato e la mezzala Mancosu (autore della rete del pari all’andata, ndr) messo ko da un problema fisico. Dalle poche notizie trapelate dalla Puglia, dovrebbe toccare ancora a Fiordilino agire davanti alla difesa al posto di Arrigoni che non è al meglio della condizione. Ai suoi lati Costa Ferreira e probabilmente Maimone che con il Fondi si è ben destreggiato. A contendergli il posto è Tsonev.

Davanti a Perrucchini i dubbi maggiori sono sugli esterni, perché la coppa centrale Drudi-Giosa è praticamente obbligata. Ciancio proverà il recupero lampo: in settimana ha sostenuto spesso un lavoro personalizzato anche se negli ultimi giorni si riaggregato con i compagni. Dovrebbe pertanto agire sulla corsia di destra con Agostinone a sinistra, l’alternativa è la panchina con Vitofrancesco laterale basso al suo posto.

In attacco sicuro di un posto soltanto Torromino, tornato dopo cinque mesi al gol domenica scorsa. Caturano rischia? Poco, se non altro perché appare stanco e Marconi vorrebbe prendere la porta a pallonate. L’altra maglia è contesa da Lepore e Pacilli che partono alla pari. Solo panchina per Doumbia. (Alessandro Storino)

LECCE (4-3-3): Perrucchini; Ciancio, Drudi, Giosa, Agostinone; Costa Ferreira, Fiordilino, Maimone; Lepore, Caturano, Torromino. A disp.: Chironi, Arrigoni, Marconi, Monaco, Muci, Vitofrancesco, Mengoli, Tsonev, Pacilli, Doumbia. All.: Padalino

Related posts