Tutte 728×90
Tutte 728×90

Domani conferenza dei movimenti cittadini: «Casa, reddito, lavoro, salute, diritti e dignità»

Domani conferenza dei movimenti cittadini: «Casa, reddito, lavoro, salute, diritti e dignità»

Alle 16.30 presso la confluenza dei  fiumi Crati e Busento, dove sorge la statua di Alarico, conferenza congiunta del Comitato Piazza Piccola – Cosenza Vecchia, del Comitato acqua pubblica “Bruno Arcuri”, di Cosenza in comune, del Partito della di Rifondazione Comunista, di Prendocasa cosenza, di Radio Ciroma e dell’Unione sindacale di base.

«Le politiche delle amministrazioni a tutti i livelli continuano a scaricare i costi della crisi sui settori più deboli. Mentre il diritto alla casa, l’accesso alle cure sanitarie, la mobilità, i diritti essenziali, vengono negati ad un ampia fetta di popolazione, la politica di Occhiuto ed Oliverio in totale sintonia con le scelte di Renzi prima e di Gentiloni ora continuano ad essere non curanti dei bisogni delle masse popolari, di chi col proprio lavoro non riesce ad arrivare alla fine del mese, di quelle masse di precari, disoccupati e nuovi poveri che campano alla giornata». Inizia così una nota a firma congiunta di sei sigle appartenenti ai movimenti cittadini e della sinistra radicale.

Il comunicato è a firma del Comitato Piazza Piccola – Cosenza Vecchia, del Comitato acqua pubblica “Bruno Arcuri”, di Cosenza in comune, del Partito della di Rifondazione Comunista, di Prendocasa cosenza, di Radio Ciroma e dell’Unione sindacale di base che per domani hanno promosso una conferenza stampa alle ore 16.30 presso la confluenza dei  fiumi Crati e Busento dove sorge la statua di Alarico. «Mentre la città vecchia muore sepolta dai crolli e dall’indifferenza dei governanti – continua la nota – la politica pensa di risolvere i problemi della nostra città attraverso interventi di facciata, inventandosi fantomatiche caccie al tesoro, spendendo migliaia di euro per il rifacimento di piazze e luminarie, installando qualche nuova statua, pensando di nascondere la miseria che invece attanaglia Cosenza e la sua gente».

«Pensano di abbagliare i cittadini promettendo nuovi stadi, nuovi ospedali, un’ovovia, ponti futuristici, vie di comunicazione tecnologiche e velocissime – chiude il comunicato – Dietro queste grandi ed inutili opere si celano gli interessi milionari e la mano lunga della casta politica, dei costruttori, dei palazzinari, degli speculatori di questo territorio. Cosenza non ha bisogno di nuove colate di cemento, non ha bisogno di regalare milioni di euro ai grassi prenditori che ingrossano le proprie tasche sul nostro sudore ed i nostri sacrifici. Casa, reddito , lavoro , salute, dignità sono le priorità di questa città e della sua gente. Le nostre priorità non coincidono con le loro. Le nostre priorità sono altre».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it