Tutte 728×90
Tutte 728×90

Vincere per centrare l’obiettivo minimo dei playoff è l’imperativo in casa Catania

Vincere per centrare l’obiettivo minimo dei playoff è l’imperativo in casa Catania

La rosa a disposizione dei rossazzurri è di assoluto livello ma non sta ottenendo finora i risultati sperati tra punti di penalizzazione e cambi di allenatore. Pulvirenti è infatti il terzo tecnico sulla panchina dei siciliani dopo Rigoli e Petrone.

 

La disperata ricerca di punti per centrare quell’obiettivo minimo dei playoff che, se non dovesse essere raggiunto, renderebbe la stagione del Catania completamente negativa. Proprio per questo motivo, non sarà per nulla facile oggi uscire indenni dal “Massimino” visto che, nonostante l’ennesima stagione tribolata, l’organico e le qualità del Catania sono di assoluto livello. I problemi in casa siciliana però sono stati finora diversi. A partire dai 7 punti di penalizzazione in classifica per inadempienze Co.Vi.So.C., continuando con i ben tre allenatori cambiati finora. Prima di Giovanni Pulvirenti, in sella dalla 29^ giornata, hanno guidato la squadra Mario Petrone (dalla 26^ alla 28^) e l’ex cosentino Pino Rigoli (dall’inizio del campionato fino alla 25^). I risultati ottenuti non sono stati dei migliori con nessuno dei tre tecnici e nemmeno la rivoluzione sul mercato di gennaio ha migliorato le cose. Il Catania occupa l’11° posto in classifica con 43 punti a -2 dalla Paganese che ad oggi sarebbe l’ultima squadra ad accedere agli spareggi promozione. Il capocannoniere del Catania è Demiro Pozzebon, arrivato a gennaio dal Messina e che, a dire la verità, con la maglia rossazzurra non ha ripetuto finora le prestazioni positive della prima parte di stagione. Tant’è che dei 10 gol realizzati, solo 2 sono stati quelli segnati in maglia catanese. All’andata, lo scorso 3 dicembre, il Catania riuscì ad imporsi a Cosenza con il risultato di 2-1. Il gol dei lupi segnato da Baclet, fu ribaltato dalle realizzazioni di Di Grazia e Mazzarani nel secondo tempo che permisero il blitz in terra calabrese alla squadra allora allenata da Rigoli.

Per quel che riguarda la formazione, Pulvirenti recupera Pozzebon che in settimana ha accusato un piccolo acciacco, ma non dovrebbe avere a disposizione Di Cecco ancora infortunato. Il Catania dovrebbe scendere in campo con il suo classico 4-3-3. In porta Pisseri. I difesa i due terzini dovrebbero essere Parisi a destra e Djordjevic a sinistra. In mezzo Gil Drausio e Marchese. A centrocampo Bucolo e Mazzarani ai lati di Scoppa. In attacco Di Grazia e Russotto esterni e Pozzebon in mezzo. Occhio però a Barisic, pronto ad entrare e far male dalla panchina. (Alessandro Storino)

CATANIA (4-3-3): Pisseri; Parisi, Gil Drausio, Marchese, Djordjevic; Bucolo, Scoppa, Mazzarani; Di Grazia, Pozzebon, Russotto. A disposizione: Martinez, Mbodj, Manneh, Maccioni, Rizzo, Di Stefano, Piermarteri, Barisic, Tavares. Allenatore: Pulvirenti.

 

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it