Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Akragas: le pagelle

Cosenza-Akragas: le pagelle

Partita difficile da sbloccare, risolta da una punizione di Cavallaro. Male Statella e Baclet, ancora una volta positiva la prestazione di Pinna schierato da centrale.

Una gara dura da sbloccare contro l’Akragas, formazione sì di bassa classifica ma che ha giocato totalmente a protezione di Pane. Pochi spazi, con Statella e Baclet non in giornata. A risolvere la contesa c’ha pensato Cavallaro con una punizione magica. Il gol vale partita e playoff tra i professionisti per la prima volta nella storia. (Antonio Alizzi)

SARACCO: VOTO 6 Mai impegnato dall’Akragas, deve gestire l’ordinaria ammnistrazione.
CORSI: VOTO 5.5 Copre la fascia destra senza infamia e senza lode. In appoggio all’azione offensiva si propone poco o nulla.
TEDESCHI: VOTO 6 Non deve faticare per limitare l’azione di Klaric. Tiene abbastanza bene la difesa a quattro.
PINNA: VOTO 6.5 Il più attento in fase di marcatura. Dimostra di poter giocare anche in posizione centrale. Affidabile, come sempre.
D’ORAZIO: VOTO 6 Terzino per modo di dire. Spinge tantissimo, cerca sempre l’uno-due e sfiora un altro gol al “Marulla”. Deve migliorare in difesa, dove palesa diverse lacune.
D’ANNA: VOTO 6 Bene bel primo tempo, quando crea diversi grattacapi all’esterno difensivo siciliano.
RANIERI: VOTO 5.5 Lento nel portare la palla in avanti. Discreta la fase di interdizione, ma cala vistosamente nella ripresa.
CALAMAI: VOTO 6 Nella prima frazione di gioco è il più bravo ad appoggiare la fase offensiva, sfiorando un eurogol dalla lunga distanza. Perde qualcosa nella ripresa.
STATELLA: VOTO 5 Non è la sua giornata migliore. Abbastanza fuori dagli schemi offensivi, stavolta non brilla.
LETIZIA: VOTO 6 Le prova tutte per segnare ma sbaglia due volte la palla del vantaggio. Tra le linee soffre quando riceve palla, ma è sempre pericoloso quando punta la porta. Si procura la punizione vincente.
BACLET: VOTO 5 Anonimo fino al momento della sostituzione. Non trova il guizzo vincente.
DE ANGELIS: VOTO 6 L’approccio alla gara è buono, ma il Cosenza perde brillantezza col passare dei minuti. Nel finale lo salva Cavallaro. Sarà fondamentale chiudere la stagione nella migliore posizione di classifica per disputare i playoff.

subentrati:
CAVALLARO: VOTO 7 Pennella una punizione da Champions League. La qualità fa la differenza, merita sempre di giocare dal primo minuto.
MENDICINO: VOTO SV
CRIACO: VOTO SV

Related posts