Tutte 728×90
Tutte 728×90

Al Venezia anche la Coppa Italia. Matera furioso con l’arbitro

Al Venezia anche la Coppa Italia. Matera furioso con l’arbitro

Pippo Inzaghi e il Venezia bissano il successo in campionato alzando al cielo il trofeo che nel 2015 fu del Cosenza. Auteri recrimina per una serie di decisioni arbitrali.

Perdere così per il Matera fa male. Soprattutto perché nella finale di ritorno della Coppa Italia di Lega Pro al Penso sono stati gli episodi arbitrali. Auteri viene rimontato 3-1 dal Venezia che si porta a casa il trofeo succedendo a Foggia e Cosenza: a nulla è bastato pertanto l’1-0 maturato in Basilicata qualche settimana fa. Danneggiata la formazione biancoazzurra che non può far altro che recriminare per come sono andate le cose. È l’arbitro Faurneau il maggiore protagonista di questa sfida. Decisivo negli episodi e nell’incanalare la finale verso i lagunari.

Il match stenta a decollare. Poche emozioni al Penzo con tanti errori da una parte e dall’altra. A farsi vivo, più che altro è il Venezia, provandoci due volte ma senza essere pericoloso. Al 16’ però, a farsi vedere è il Matera. Lancio per Carretta che scatta sulla sinistra e prova la conclusione: sfera alta e a lato. Il Venezia, però, non demorde e risponde poco dopo. Prima con Garofalo, poi con Moreo, ma le due conclusioni non creano particolari problemi dalle parti di Tozzo. Poi, come sempre, queste partite vengono decise dagli episodi. Al 26’ vistoso fallo su Casoli non visto dalla terza arbitrale, Garofalo riparte e serve un perfetto assist per Moreo che stampa in rete. Il Matera non riesce a trovare la giusta risposta, e così il Venezia trova il raddoppio. Scatto di Fabiano che brucia il tempo a Mattera e con un bel diagonale riesce a stampare un perfetto diagonale in rete. Questa volta, però, i biancoazzurri trovano la risposta. Al 34’ è Negro che da corner riesce a mettere al centro un ottimo pallone: incornata di Armellino che termina di pochissimo a lato. Il Venezia, complice del doppio vantaggio si abbassa e il Matera trova l’ultima zampata del primo tempo. Al 39’ è Armeno che si accentra, scarica per Armellino che però trova una conclusione debole, facilmente bloccata da Vicario.

La ripresa, per il Matera, parte male. I biancoazzurri restano in dieci per un’ingiusta espulsione di Mattera che in un contrasto con Garofalo viene ammonito per la seconda volta. Il Matera, però, non demorde e al 6’ ha una grande chance. Punizione di Strambelli dalla distanza: ribatte la difesa, il fantasista barese ci riprova, ma De Rose si trova sulla traiettoria e Vicario para. Al 12’ i biancoazzurri trovano anche la rete che poteva essere decisiva. Fa tutto Strambelli con un bellissimo stop e un tiro al volo con la sfera che si inchioda all’angolino. La gioia dura solamente tre minuti, perché il Venezia trova la rete della vittoria con Ferrari che sfrutta un clamoroso batti e ribatti. Il Matera si butta a capofitto in attacco. Al 18’ è Armellino che ci prova con una gran bel girata: sfera a lato. Al 34’ c’è l’episodio chiave: Zampano e Modolo, in area, braccano Sartore: è rigore ma non per l’arbitro che lascia giocare. L’ultima chance è nel recupero per i biancoazzurri: cross di Sartore per Negro che incorna di pochissimo sopra la traversa. (tuttomatera.com)

 

VENEZIA – MATERA 3-1
VENEZIA (4-3-1-2): Vicario; Zampano (40’ st Fabris), Modolo, Malomo, Garofalo; Falzerano, Bentivoglio, Soligo; Fabiano; Moreo (22’ st Cernuto) Ferrari (25’ st Geijo). A disp.: Facchin, Sambo, Pellicanò, Galli, Strechie, Stulac, Acquadaro, Caccavallo, Marsura, Tortori. All.: Inzaghi
MATERA (3-4-3): Tozzo; Mattera, De Franco, Di Lorenzo; Casoli, De Rose (20’ st Salandria), Armellino, Armeno (20’ st Sartore); Carretta (37’ st Dammacco), Negro, Strambelli. A disp.: D’Egidio, Biscarini, Bertoncini, Gigli, Iannini, Didiba, Meola, Infantino, Lanini. All.: Auteri
ARBITRO: Fourreau di Roma I
MARCATORI: 26’ pt Moreo (V), 34’ pt Fabiano (V), 12’ st Strambelli (M), 15’ st Ferrari (V)
NOTE: Spettatori: 2000 circa con 150 provenienti dalla Città dei Sassi. Espulsi: al 2’ st Mattera (M) per doppia ammonizione. Ammoniti: Garofalo, Moreo (V) e Mattera, Armellino, Salandria (M). Angoli: 10-2 per il Matera. Recupero: 0’ pt – 4′ st

Related posts