Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Angelis: «A Messina ambiente caldo, sarà un test per i playoff»

De Angelis: «A Messina ambiente caldo, sarà un test per i playoff»

Il tecnico del Cosenza De Angelis: «I giallorossi avranno vita dura con noi. Siamo intenzionati a dare continuità. Giusto il cambio di regolamento, ma potevano pensarci prima».

E’ l’ultima trasferta della regular season per il Cosenza e nonostante la storica qualificazione ai playoff sia già stata acquisita domenica scorsa, le motivazioni non mancano di certo alla formazione rossoblù. «E’ proprio così – spiega Stefano De Angelis – la gara di Messina non sarà semplice, ma vogliamo dare continuità. Ho già detto dopo il ko col Siracusa che avremmo dovuto preparare le ultime quattro gare come se fossero finali in modo da presentarci adeguatamente all’appuntamento del 14 maggio. Noi faremo la nostra partita come abbiamo sempre cercato di fare. La crescita atletica? La condizione fisica viaggia di pari passo con quella mentale».

Il Messina è formazione con l’acqua alla gola che a breve riceverà una penalizzazione di almeno un paio di punti. A Lucarelli, pertanto, serve un successo come il pane e al San Filippo ci sarà un buon afflusso di pubblico. «Ribadisco: è una finale e come tale sappiamo di trovare un ambiente caldo – continua De Angelis – Ben venga questo match perché nella post-season, se dovessimo far strada, troveremo condizioni simili su ogni campo. Lucarelli ha grande esperienza e il carattere giusto per caricare i suoi tifosi. Guardando l’aspetto tecnico, i giallorossi dispongono di elementi interessanti come Milinkovic e Musacci. Hanno incontrato grandi difficoltà, va dato atto ad allenatore e squadra di aver fatto cose importanti».

Sul web si è parlato molto di alcuni recenti risultati figli del rush finale del torneo. «E’ facile talvolta fare delle constatazioni in base a ciò che viene fuori dalle singole partite – continua De Angelis – ma noi siamo pagati per vincere dalla prima all’ultima giornata. A fine stagione vi assicuro che è più difficile affrontare le piccole, pertanto non mi stupisce alcun punteggio maturato nelle ultime giornate».

A De Angelis smorza la polemica relativa alla modifica delle regole voluta dalla Lega Pro che toglie qualche arma ala Cosenza. «Si può discutere solo della tempistica perché eventuali problematiche andavano affrontate prima. Detto ciò, è giusto che chi arriva secondo o terzo abbia dei privilegi. Ma andava deciso prima».

Chiusura dedicata alle situazioni critiche che stanno affrontando gli squadroni della vecchia Serie C. «Alessandria e Lecce avevano tutti i mezzi a disposizione per primeggiare, le rispettive società hanno deciso di dare una sterzata dopo non essere riuscite a farlo – taglia corto De Angelis – Hanno poi effettuato scelte diverse visto che i grigi hanno optato per una guida di spessore, mentre al Via del Mare si è puntato su una figura “interna” e conosciuta dall’ambiente. Per entrambe saranno playoff difficili, ma vantano rose così importanti che faranno bene a prescindere».

Related posts