Tutte 728×90
Tutte 728×90

Paganese per continuare a stupire. Grassadonia ritrova Pestrin

Paganese per continuare a stupire. Grassadonia ritrova Pestrin

I campani arrivano a Cosenza con la tranquillità di aver già raggiunto il proprio obiettivo stagionale chiamato salvezza. Grassadonia conferma il 4-3-3 nel quale ritroverà dopo quasi un mese capitan Pestrin. In attacco occhio a Reginaldo, già autore di 11 reti.

 

Squadra sbarazzina che non ha nulla da perdere. La Paganese di mister Grassadonia è un avversario che arriva a Cosenza con la testa sgombra e la consapevolezza di aver già fatto il massimo durante la stagione regolare. I play-off che si giocheranno questa sera i campani, sono un premio per un campionato che, nonostante il ritardo sulle altre, non li ha mai visto in affanno.

Eh si. Perchè questo torneo di Lega Pro, la Paganese non doveva nemmeno giocarlo. Era stata esclusa per motivi fiscali. E’ stata riammessa soltanto il 31 agosto scorso da una sentenza del Tar del Lazio. A campionato già iniziato. Ma mister Grassadonia non si è mai abbattuto. E con una squadra costruita in meno di due settimane, ha dato filo da torcere a tutte. Alla fine i biancostellati chiudono all’ ottavo posto con 50 punti (+1 di penalizzazione).

Il capocannoniere della squadra è Reginaldo con 11 gol. Il brasiliano è stata una scommessa vincente della società. Dopo il suo illustre passato con le maglie tra le altre di Siena, Fiorentina e Parma in Serie A, l’attaccante era un pò uscito dai radar dei calcio professionistico. Tant’è che l’estate scorsa, prima della chiamata della Paganese, stava per firmare con il Gaeta in Eccellenza. Ed invece, stasera sarà il pericolo numero 1 per i lupi.

Nelle due sfide di campionato, il Cosenza ha raccolto una vittoria ed un pareggio contro la Paganese. Al “Marulla” partita incredibile con i lupi che riescono a segnare il 2-1 con Mungo in pieno recupero, quando la Paganese è in 9 e senza il portiere. Al Torre invece lo scorso 5 marzo, le due squadre hanno pareggiato per 1-1. A segno Baclet, prima del pareggio dei locali con De Santis.

Per quel che riguarda la formazione, mister Grassadonia ha pochi dubbi. La Paganese scenderà in campo stasera con il suo classico 4-3-3. In porta Liverani. Per il ruolo di terzino destro è ballottaggio tra Longo (favorito) e Picone. In mezzo alla difesa De Santis e Alcibiade. A sinistra Della Corte. In mezzo al campo Firenze, Pestrin (al rientro dopo quasi un mese) e Mauri. In attacco Cicerelli, Reginaldo e Bollino. Occhio a quest’ultimo. Con la maglia del Taranto è già stato decisivo da queste parti ad inizio campionato. (Alessandro Storino)

Paganese (4-3-3): Liverani; Longo, De Santis, Alcibiade, Della Corte; Firenze, Pestrin, Mauri; Cicerelli, Reginaldo, Bollino. A disposizione: Marruocco, Gomis, Carillo, Mansi, Zerbo, Herrera, Parlati, Caruso, Picone, Tagliavacche, Tascone, Maiorano. Allenatore: Grassadonia

Related posts