Tutte 728×90
Tutte 728×90

Blondett: «Matera, ti aspettiamo al Marulla. Il Cosenza farà di nuovo la sua parte»

Blondett: «Matera, ti aspettiamo al Marulla. Il Cosenza farà di nuovo la sua parte»

Il difensore Blondett felice di aver blindato la porta di Perina: «Contava passare il turno, ma non aver incassato gol è un’iniezione di fiducia in più per la nostra squadra».

La prestazione di Blondett, ieri ancora capitano, e del pacchetto difensivo del Cosenza più in generale è stata positiva. Ieri sera la Paganese non è riuscita a sfondare il muro rossoblù nemmeno quando, ad inizio ripresa, c’è andata molto vicina. «E’ stato importante aver tenuto la porta – ha detto il difensore genovese – è un’iniezione di fiducia in più. Contava solo passare il turno e vincere, perché conquistare il successo con un risultato netto come quello di ieri ci dà morale».

Blondett, forse, ha trovato il compagno di reparto ideale. «Io e Pinna non siamo altissimi – ammette – ma con un po’ di attenzione e concentrazione in più, riusciamo a colmare qualche centimetro in meno. Era il mio primo playoff, in carriera avevo disputato soltanto gli spareggi salvezza che non erano andati un granché bene. Sono ovviamente soddisfatto di aver passato il turno».

La partita del Cosenza è stata intelligente. «Sapevamo che la Paganese aveva solo un risultato e che avrebbe giocato palla da dietro cercando Pestrin – sottolinea Blondett – Con i nostri attaccanti abbiamo cercato di prenderli alti oscurando il loro vertice basso. E’ andata bene visto che non abbiamo rischiato chissà che cosa ed abbiamo fatto il match che speravamo di fare».

Tra sei giorni toccherà al Matera. «Il Matera è un’altra squadra rispetto alla Paganese. Offre un bel calcio ed ha attaccanti molto pericolosi. Man mano che andremo avanti nei playoff sarà sempre più difficile, ma noi non temiamo nessuno perché abbiamo le carte in regola per battere chiunque. Li aspettiamo al Marulla e cercheremo ancora una volta di prevalere, pur sapendo che non sarà facile. Il Matera, tolto l’ultimo periodo in cui è calato, ha sempre dimostrato le proprie qualità. La nostra parte, però, la faremo alla grandissima».

Related posts