Tutte 728×90
Tutte 728×90

Usura a Rende, rimangono in carcere i cugini Citro

Usura a Rende, rimangono in carcere i cugini Citro

Nei giorni scorsi si sono tenuti gli interrogatori di garanzia, ieri mattina invece il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cosenza Giusy Ferrucci ha deciso di non revocare la misura cautelare in carcere per i due indagati, arrestati dalla Compagnia carabinieri di Rende per un presunto caso di usura

All’esito dei due interrogatori di garanzia fatti con Roberto Citro e Francesco Citro, il gip di Cosenza ha ritenuto non sufficiente il racconto del primo indagato al fine di rivedere il quadro indiziario che pende nei confronti dei due soggetti finiti nella casa circondariale di via Popilia, perché avrebbero prestato denaro “a strozzo” a un vigile urbano di Rende che voleva mantenere il figlio a Firenze per un corso professionale.

I due indagati, difesi dagli avvocati Antonio Quintieri e Antonio Ingrosso, si rivolgeranno al tribunale del Riesame di Catanzaro. (a. a.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it