Tutte 728×90
Tutte 728×90

Provincia di Cosenza, Tamburi: «No all’impianto rifiuti nella zona di Cammarata»

Provincia di Cosenza, Tamburi: «No all’impianto rifiuti nella zona di Cammarata»

Il consigliere provinciale: «Pronto ad accogliere le sfide che si affacciano sul nostro territorio. Più collaborazione con i sindaci, interpreti della collettività». Poi affronta un problema che riguarda l’agricoltura.

Vincenzo Tamburi ha firmato ieri mattina, presso il Palazzo della Provincia, l’accettazione delle deleghe alle politiche sociali, mercato del lavoro e formazione professionale, immigrazione, accoglienza, pari opportunità e politiche energetiche. «Mi impegnerò sin da subito – ha dichiarato – per il bene comune, per rispondere ai bisogni dei territori, per offrire all’Ente una programmazione che sappia ascoltare i Sindaci, veri interpreti della collettività, e ridare speranza ai cittadini».

Nel ringraziare il partito Socialista per la fiducia accordatagli e per l’impegno da sempre profuso dai socialisti cosentini nella squadra di governo dell’Ente, Tamburi ha sottolineato come questa nuova esperienza politica sarà da lui condivisa con il collega di partito Franco Pascarelli, il quale «grazie alla sua esperienza lavorativa – ha affermato – lavorerà con me in sintonia nello svolgere le deleghe a me assegnate».

Secondo Tamburi sono tante le problematiche da affrontare nel nostro territorio e che attendono delle risposte concrete e puntuali da parte della politica: in materia di occupazione giovanile; di disabilità, per offrire un sostegno reale alle famiglie e incentivare lo sviluppo delle capacità residue dei soggetti diversamente abili; in materia di pari opportunità; di immigrazione per l’affermazione di un’integrazione effettiva e di politiche energetiche affinché queste possano conciliare rispetto del territorio e sviluppo. «Insomma tante le sfide che ci attendono – ha concluso Tamburi – ma che siamo pronti a vivere ed affrontare, sapendo di non dover mai perdere la voglia di stare tra la gente, perché sono i cittadini, prima di tutto, che siamo chiamati a servire».

IMPIANTO RIFIUTI. «Allocare un impianto per il trattamento dei rifiuti nel cuore del Distretto Agroalimentare di Qualità significa offendere la vocazione agricola che il territorio della piana di Cammarata e la Sibaritide in generale hanno avuto storicamente» afferma Vincenzo Tamburi, intervenendo nel dibattito politico che in questi giorni sta interessando la provincia di Cosenza sulla tematica dei rifiuti.

«Non possiamo più considerare l’Asi – ha aggiunto Tamburi – come uno spazio in cui allocare insediamenti industriali che cozzano con la palese vocazione agroalimentare e turistica del territorio circostante, incastonato tra le ricchezze culturali dell’antica Sibari e le meraviglie naturalistiche del Parco Nazionale del Pollino. L’area che un tempo si voleva far crescere con insediamenti produttivi in grande scala ha fallito da tempo il suo appuntamento con la storia. Ed il fatto che oggi si ritrovi immersa nel DAQ deve far ragionare i sindaci e gli amministratori del territorio sulla tensione produttiva che può riscoprire a supporto dei settori agricolo e turistico».

Al territorio serve un impianto di trattamento rifiuti – ha concluso Tamburi – ma non serve ubicarlo nell’area a più alta vocazione agricola che offre centinaia di posti di lavoro linfa vitale per l’economia e lo sviluppo del comprensorio. Serve ragionare insieme ai territori in maniera chiara, e senza schemi pregiudiziali, su come e dove poter allocare un impianto per i rifiuti, riconvertendo siti già esistenti o realizzando nuove ipotesi per il trattamento degli stessi, ma in contesti totalmente diversi da quello di oggi». (Maddalena Perfetti)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it