Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pd e Cinque Stelle bocciano il Psc del sindaco Mario Occhiuto

Pd e Cinque Stelle bocciano il Psc del sindaco Mario Occhiuto

«Un ennesimo libro dei sogni e di retorica che dovrà fare i conti con la realtà economica dei soggetti, delle istituzioni, degli utenti, in una parola con tutta la società cosentina e non solo con una parte velleitaria di estrema destra politica».

L’analisi di Bianca Rende, consigliera del Pd, frutto di un’attenta disamina del PSC, boccia sonoramente l’importante e atteso strumento urbanistico presentato dal sindaco Mario Occhiuto. La criticità principale riguarda i tempi di realizzazione che impedirebbero, nei fatti, un confronto corale e democratico. «La crisi attuale si supera pianificando un nuovo sviluppo sostenibile in grado di produrre il miglioramento integrale della qualità della vita umana di Cosenza, Rende e dell’area urbana – afferma Bianca Rende – un maggior coordinamento dei PSC di Cosenza – Rende e dell’area urbana era doveroso ed è ancora opportuno per perseguire una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale».

Alla luce di novità quali il Comune unico, la metropolitana leggera ed il nuovo ospedale, la consigliera Rende si chiede se «possiamo ritenere esaustiva una conferenza di pianificazione svoltasi ben 7 anni fa su un piano con una diversa visione urbanistica e politica».

E pensando al passato, Bianca Rende ha sottolineato l’importanza che a 45 anni di distanza dal PRG di Vittorini venga rimessa mano ad uno strumento urbanistico per Cosenza, ma ha voluto precisare che quello previsto dal centrosinistra di allora «non era semplice assistenzialismo, come si vuole far credere oggi, ma un traguardo di giustizia e igiene sociale che consentiva a famiglie poco abbienti e disagiate di avere una casa dotata degli standard coabitativi, magari non paragonabili ma almeno confrontabili con quelli delle dimore dei benestanti. Un massiccio intervento pubblico (si trasferirono circa 40.000 persone!) che ha consentito di riequilibrare il mercato edilizio e di accogliere famiglie che si trasferivano dal centro storico, sovraffollato e antigienico, verso nuovi quartieri che non restavano affatto periferici ma, nel disegno urbanistico di allora, integrati nel cuore del centro direzionale di Vaglio Lise».

Bianca Rende ok
Bianca Rende

«Oggi – ha proseguito la consigliera Rende, – che le condizioni economiche ed anagrafiche sono così radicalmente mutate, dal piano Vittorini e seguenti residuano 4 milioni di metri cubi ed è naturale pensare al riuso qualitativo dell’esistente, col rischio però di confondere la decrescita spaziale con quella economica e funzionale dell’edilizia: nel percorrere questa strada si possono commettere due errori, ambedue presenti nella prefazione politico-programmatica del Sindaco, ovvero la fiducia esclusiva nella “economia privata”, per rallentare un declino che appare inarrestabile, e la rinuncia all’unificazione anche amministrativa dei territori e abitanti».

«In definitiva», conclude la Consigliera Rende, «ci saremmo aspettati di più delle semplici “perequazioni” tra proprietari di suoli, senza obiettivi prioritari, cominciando da quello antisismico; conosciamo troppo bene la fragilità e la frammentazione proprietaria, per illuderci che un provvedimento del genere inneschi un processo volontario di rigenerazione urbana. Questa non può prescindere dal potere pubblico locale e da un progetto di utilizzo per esempio delle Casermette dismissibili e trasformabili in una “Zes” locale, dall’avvio di una Smart city, anzichè da tanti piccoli progetti di decoro urbano moltiplicati come i pani e i pesci, che interessano un’aliquota minima di utenza e autori, sempre gli stessi del cerchio magico. La nostra città, Cosenza, con questo respiro corto e lo sguardo circoscritto alle sue mura, rischia di rinunciare alle sue legittime ambizioni di crescita».

MOVIMENTO CINQUE STELLE. «L’adozione del P.S.C., che si dice trasformerà Cosenza in “luogo di concimazione produttiva e culturale”, ha bisogno di adeguati approfondimenti per un più completo giudizio di merito», si legge in una nota del Movimento Cinque Stelle di Cosenza. «Non servono gli slogan pronunciati («nuova Urbanistica con Premialità, sviluppo organico ecosostenibile, concrete speranze di progresso»…etc); sarebbe stato, invece, più proficuo illustrare le novità, che il PSC reca, facendo concreti esempi attuativi e relazionandoli agli aspetti socio-economici incidenti nell’ economia e nella trasformazione del territorio.

Non si auspica che il PSC in adozione possa ritenersi già superato poiché non contiene il tracciato definitivo della metro, le scelte insediative per il nuovo ospedale, la definizione del rapporto territoriale con i comuni viciniori in una ipotesi di possibile fusione.

Sono state, poi, rispettate tutte le procedure per l’adozione di cui all’art 27 della Legge Urbanistica Regionale n.ro 19/2001?  Si potrà entrare più compiutamente nel merito una volta esaminati le relative norme attuative, il regolamento edilizio, la qualità ed il soddisfacimento degli standard, la relazione geologica, il programma del verde e quant’altro afferente.

Aspettiamo, quindi, di poter conoscere meglio e nello specifico il Piano, una volta che lo stesso verrà depositato presso la sede del Consiglio Comunale e saranno stabiliti i termini per il suo esame e per il deposito di osservazioni e proposte», concludono i grillini cosentini.

Related posts