Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il saluto di De Angelis: «Il Cosenza, la panchina sono… quelle cose che alla fine ti rimangono»

Il saluto di De Angelis: «Il Cosenza, la panchina sono… quelle cose che alla fine ti rimangono»

L’ex tecnico del Cosenza Stefano De Angelis ha scelto il suo profilo Facebook per salutare l’ambiente rossoblù. «Ringrazio tutti, anche i tifosi a cui non sono piaciuto. Ma quell’appluso con il Pordenone non lo scorderò mai».

Stefano De Angelis ha scelto Facebook. L’ex allenatore del Cosenza ha vissuto sei mesi intensi sulla panchina dei Lupi e non dimentica nessun momento. «Non è mia consuetudine – scrive sul proprio profilo – usare Facebook per situazioni lavorative o inerenti la mia vita professionale, in quanto uso i social quasi esclusivamente per contesti familiari. Ma ora mi è d’obbligo».

«Mi è d’obbligo fare ringraziamenti a tutto l’ambiente cosentino e non – scrive De Angelis – Partendo dal presidente Guarascio il quale mi ha dato la possibilità di allenare il Cosenza, cosa che non è da tutti e per tutti. Ringrazio il dg Carlo Federico che insieme al presidente mi è stato sempre molto vicino. Ringrazio il direttore sportivo Aladino Valoti che in tutto questo tempo mi ha dato consigli che mi hanno fatto crescere sotto tanti punti di vista. Ringrazio tutti i calciatori e lo staff tecnico che mi hanno supportato e sopportato in questo splendido cammino e lo staff medico».

«Ringrazio il mio amico Kevin che è stato spesso, nonostante la giovane età,un sostegno per tutti – continua De Angelis – Ringrazio i magazzinieri Umberto e Daniel, non mi dimentico di Gianluca Pasqua che mi ha reso un po’ più diplomatico nei vari interventi mediatici e di tutti i ragazzi della sede. Ringrazio i giornalisti, con le loro critiche e i loro elogi e i tifosi ai quali non sono piaciuto, chi per un motivo chi per altro, perchè anch’essi mi hanno dato la possibilità di crescere».

«Soprattutto – chiude De Angelis – ringrazio voi tifosi che sempre mi avete fatto sentire il vostro calore, la vostra vicinanza e soprattutto grazie per quell’applauso a fine gara contro il Pordenone che mi ha fatto emozionare come poche volte capitato nella mia vita, e che non ha fatto altro che legarmi ancora di più a questa città e a questi colori, perché… SONO QUELLE COSE CHE ALLA FINE TI RIMANGONO!».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it