Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, il punto sul centrocampo. Spunta un nome nuovo: Giorgione

Cosenza, il punto sul centrocampo. Spunta un nome nuovo: Giorgione

Criaco dovrebbe restare in rossoblù in virtù del suo probabile status di calciatore bandiera o calciatore fidelizzato. Nel frattempo Trinchera sta sondando il terreno con Carmine Giorgione. 

Servono cessioni per poter fare mercato a centrocampo, ma gli abboccamenti (per ora solo quelli) continuano ad andare avanti. Giorgio Capece (‘92) pare non gradisca il trasferimento alla Fidelis Andria ed è probabile che domenica sera all’Hotel Europa ci sia anche lui al raduno dei rossoblù. Marco Criaco (‘91), contrariamente a quanto si pensava inizialmente, dovrebbe rimanere in organico perché domani la Serie C varerà finalmente il nuovo regolamento. Sarà considerato calciatore bandiera o calciatore fidelizzato insieme ad Angelo Corsi (’89), per il quale non c’è mai stato dubbio sulla permanenza.

Dicevamo della linea mediana, però. Stefano Trichera ha messo nel mirino Carmine Giorgione (‘91), un nome che ai più non suonerà nuovo in quanto già nell’inverno del 2016 (quello in cui Guarascio non rinforzo la squadra a Roselli, ndr) finì nei radar dei rossoblù senza che si concretizzasse l’affare. Il nuovo ds dei Lupi adesso pare intenzionato a riprovarci, ma come per ogni altro elemento contattato, anche l’ex Messina è sotto contratto. A luglio scorso, infatti, firmò fino al 2018 con l’Albinoleffe, ma la sua avventura in Lombardia potrebbe essere giunta al termine. Nell’ultima stagione ha collezionato 38 presenze in tutto andando a segno in 3 occasioni in campionato e 1 nei playoff: record personale. Mezzala classica, è però un elemento polivalente al punto da potersi esprimere indifferentemente da laterale di centrocampo.

A differenza di Paolo Capodaglio (‘85) che è un regista classico e per il quale la trattativa è ferma senza sviluppi degni di nota, Giorgione ha gamba e corsa. Un tuttofare della zona nevralgica del campo a cui in carriera è mancato solo qualche gol in più. Personalità al servizio del collettivo: lo descrivono da Messina e da Bergamo. La trattativa non si annuncia facile, perché la distanza economica è ampia e non è detto che possa essere tesserato dal Cosenza in sinergia con un club di Serie B.

Nel frattempo, per un Giorgione che entra nella lista di nomi di Trinchera c’è un Salvatore Burrai (‘87) che è uscito dai radar. La mente del Pordenone ha richieste più allettanti di quella dei rossoblù: Serie B o Serie C a vincere, ancora livelli troppo alti per Via degli Stadi. (Antonio Clausi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it