Tutte 728×90
Tutte 728×90

Inclusione sociale, a Belvedere inaugurato un ristorante gestito da giovani diversamente abili

Inclusione sociale, a Belvedere inaugurato un ristorante gestito da giovani diversamente abili

“Sapori e sapere” sorge all’interno di un vecchio edificio di quattro piani. Il direttore dell’Aias di Cetraro, Antonio Maurizio Arci, ha ideato questo progetto per inserire nel mondo del lavoro alcuni giovani con disabilità.

Sorge all’interno di un vecchio edificio di 4 piani ristrutturato per l’occasione, il ristorante “Sapori e Saperi”, inaugurato proprio ieri sera. Un locale che ha una particolarità: è gestito da giovani diversamente abili. Il centro storico di Belvedere Marittimo, sulla costa tirrenica del cosentino, si arricchisce dunque di una iniziativa che è anche un’opera a sfondo sociale.

Il direttore dell’Aias di Cetraro, Antonio Maurizio Arci, ha ideato questo progetto per inserire nel mondo del lavoro alcuni giovani che altrimenti avrebbero avuto grandi difficoltà a trovare occupazione. Da questo ristorante, aperto a tutti e dotato, naturalmente, di ogni opera accessoria utile ad ospitare persone con disabilità, parte dunque una vera iniziativa con finalità di inclusione sociale.

«E’ un progetto unico in Calabria – sottolinea Arci – e i protagonisti sono i giovani disagiati ospiti della comunità “Lo scoiattolo” di Sangineto». Giovani con funzioni di cuochi, pasticcieri, gelatai ed addetti alla sala. «In questo momento trovano occupazione i primi sei giovani, ma il loro numero aumenterà – dice Arci – e lavoreranno per i 40 ospiti che il locale può accogliere contemporaneamente».

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it