Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rende, esenzione Tari: Eugenio Aceto replica al consigliere grillino

Rende, esenzione Tari: Eugenio Aceto replica al consigliere grillino

Riceviamo e pubblichiamo la replica del consigliere comunale di Forza Rende Eugenio Aceto dopo la nota del consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle Domenico Miceli.

E’ da tempo che mi chiedo che problema affligga il consigliere MIceli, che perpetra nelle accuse e nelle provocazioni vane ed inutili, non sapendo gestire un confronto sul solo piano politico-amministrativo, attacca colleghi e assessori con bassezze della peggio specie utilizzando termini poco consoni a livello da strilloni da piazza.

Se imparasse a leggere e non ad interprertare per manie di protagonismo da veline pubblicitarie, estrapolerebbe dalla nota di risposta a firma di tutto il gruppo di Forza Rende e non solo del sottoscritto, che riporto integralmente: “Vorremmo sottolineare l’impegno della amministrazione,su questa manovra finanziaria riconfermata nel consiglio comunale dell’Aprile 2017, quando tutte le forze presenti hanno votato il bilancio di previsione, in cui veniva ricompresa l’esenzione per le aree già individuate dagli uffici che hanno eseguito tali individuazioni su dati catastali e non su dati nominativi, che ha esentato circa 110 unità abitative, ha comunque una ricaduta importante sulla diminuzione delle entrate per il nostro ente» dove si parla di aree individuate e votate dal consiglio comunale? dove si indicano le aree? abbiamo semmai specificato che abbiamo approvato il Bilancio di previsione, che prevede l’approvazione, come previsto per legge, del regolamento IUC che comprende TARI, IMU E TASI dove nella sezione TARI veniva confermata l’esenzione delle due aree interessate dall’inquinamento, quindi lui ha solo specificato quello che avviene per obbligo di legge, e proprio in quella sede l’assessore Iantorno al quale va riconosciuto il merito di aver mantenuto fede alla promessa fatta di far approvare le aree, come previsto, sempre per legge, dalla giunta entro il 31 Maggio del 2017, dopo l’individuazione da parte degli uffici Ambiente del settore Urbanistica.

Il “già” individuate, voleva significare che è ad appannaggio degli uffici tecnici le aree da assoggettare all’esenzione, in che modo vuole che spieghi meglio cosa non ha saputo interpretare e manipolare a suo uso e consumo? quando motiviamo l’individuazioni delle aree, facciamo riferimento chiaro al dirigente del settore finanziario che ci ha spiegato come sono state individuate.

Per tutto il resto non ho tempo e desiderio di misurarmi con delatori che violano le leggi sulla privacy indicando particelle catastali di un cittadino, Pino Munno, prima che assessore, dove risiede tutto il suo nucleo familiare. Tutto cio dimostra che forse soffre di inferiorità nei miei confronti e di tutto il gruppo che rappresento, ma non voglio più rispondere a provocazioni da strada.

Sulla base di questo, gli chiedo, da coscenzioso padre di famiglia, di offrire un servizio importantissimo alla Comunità Rendese, dimettendosi da consigliere comunale, semmai decidesse di continuare questa sua carriere da “politico” gli consiglierei di proporre soluzione e non di disturbare il prosieguo dei lavori di ordinaria amministrazione dell’ente tramite le sue continue interpellanze volte a distrarre il lavoro quotidiano; infatti in tutte le rassegne stampa del Miceli non si è mai visto un solo contenuto propositivo, bensì solo accuse e diffamazioni.

Per tutto il resto lo invitiamo a calcare i corridoi del comune per risolvere problemi e non per crearne cosi capirà che il sottoscritto non vaneggia o racconta frottole, purtroppo la sindrome dell’ape che si crede un aquila ha colpito anche lui.
Come ben può vedere anche in presenza di offese ed accuse noi manteniamo la lucidità proponendogli delle soluzioni.

Eugenio Aceto (consigliere comunale “Forza Rende”)

Related posts