Tutte 728×90
Tutte 728×90

Actis Goretta: «A Rende come a Baires. I miei gol per la Lega Pro»

Actis Goretta: «A Rende come a Baires. I miei gol per la Lega Pro»

L’attaccante argentino del Rende non vede l’ora di cimentarsi nel torneo di Serie C. Da Goretta, dopo un’annata da 17 gol, ci si aspetta molto: «Da Padova siamo tornati soddisfatti nonostante il ko».

Con il suo forte accento, che denota la provenienza argentina, terra madre di leggende calcistiche, Gustavo Actis Goretta è stato, senz’altro, uno dei trascinatori del Rende nella scorsa stagione. Forte dei suoi 17 gol in campionato, ha guidato la truppa biancorossa anche nelle partite decisive dei playoff. Suo uno dei centri nella prima partita contro il Gela, terminata 2-1 (l’altra rete del Rende è stata siglata da Denny Gigliotti). «Si l’ho buttata dentro 17 volte – esordisce a Cosenza Channel il centravanti di uno dei sobborghi di Buenos Aires – ma il merito principale è stato del gruppo. La compattezza della squadra mi è stata di grande aiuto per crearmi le condizioni tali da andare in rete. Speriamo fortemente nel ripescaggio. Inizierà una grande avventura per noi e per tutta la città di Rende».

Il tecnico Brunello Trocini all’indomani della gara di Coppa Italia, persa in casa del Padova per 2-1 (proprio di Actis Goretta la rete calabrese), ha affermato che il gruppo formatosi non ha prime donne e dimostra di possedere una certa unione: «Trocini non è solo un bravo allenatore – spiega l’attaccante – ma è soprattutto una grande persona. Questo fa bene al collettivo. Lo spogliatoio è la nostra forza, quella che ci ha permesso di imporci nella post-season e di raggiungere un buon posizionamento in classifica».

La stagione è iniziata con la sconfitta contro il Padova: «E’ stata una bella partita – continua Actis Goretta – abbiamo fatto bene. Siamo andati sotto dopo tre minuti, ma abbiamo saputo reagire e, dunque, arrivare al pareggio. Siamo stati in equilibrio con il Padova, che è una grande squadra. Nonostante la sconfitta, siamo contenti per la prestazione».

Un attaccante con cui Actis Goretta dovrà condividere il reparto avanzato, nel 3-5-2 di Trocini, è Giovanni Ricciardo: «Ho un grande rapporto con tutti, non solo con gli ultimi arrivati. Ricciardo è una brava persona».

Domani arriverà la quasi sicura ufficialità sulla partecipazione del Rende al prossimo campionato di Serie C, Actis Goretta spiega gli obiettivi: «Sicuramente partire con il piglio giusto e vincere la prima partita. La mia ambizione è quella di arrivare il più in alto possibile». Con la terza serie il Rende torna a giocare contro squadre di un certo blasone, tra cui il Cosenza: «Non vedo, nel mio caso, rivalità con nessuna squadra. Gioco al calcio, per portare alla vittoria la squadra per cui gioco. Dunque, difendere i colori del Rende. Voglio fare i gol a tutti».

E’ innegabile non fare caso alla pronuncia del centravanti argentino, Actis Goretta difatti è cresciuto calcisticamente nel Carhue di San Martin, in provincia di Buenos Aires. «Seguo il calcio italiano, seguo la Juve, il Napoli, sono squadre che ammiro, ma quella del mio cuore resterà il Buenos Aires. La mia storia? Ho giocato al calcio nella squadra del mio paese in Argentina. Poi, venuto qui in vacanza con la mia famiglia sono stato in prova per 5 giorni e mister Trocini mi ha fatto giocare. A Rende mi trovo bene, qui è come stare in famiglia».

LAVORI AL MARCO LOREZON. In attesa della Serie C, il Rende ha comunicato che in data 7 agosto il terreno di gioco del “Marco Lorenzon” sarà sottoposto ad un «intervento di manutenzione straordinaria». I lavori dovrebbero terminare entro la fine di agosto. (Giulio Cava)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it