Rende Calcio

Non svegliate il Rende. Biancorossi da sballo in casa dell’Akragas (3-2)

Rende sotto a fine primo tempo nonostante il gol di Gigliotti. Nella ripresa momentaneo pari di Franco e colpo di testa vincente di Rossini. Trocini a punteggio pieno.

No, non svegliate il Rende perché ogni sogno è un desiderio. Trocini dopo i due derby vinti in quattro giorni regala il tris e sbanca il campo dell’Akragas anche grazie a delle sostituzioni azzeccate. Il 3-2 con cui il club del presidente Coscarella torna a casa è un mix perfetto di tenacia e pazienza. Andati sotto due volte, Gigliotti, Franco e Rossini hanno ribaltato una partita che vale già doppio in ottica salvezza.

Trocini risolve i dubbi della vigilia confermando Laaribi davanti alla difesa e dando fiducia alla coppia di attaccanti Actis Goretta-Ricciardo. E’ la stessa formazione che ha battuto la Reggina sette giorni fa al Lorezon. Il 3-5-2 è anche il marchio di fabbrica di Di Napoli che posiziona i suoi a specchio. Undici molto giovane quello siciliano, eccezion fatta per il portiere Vono e per Vicente che guidano un gruppo di ragazzini terribili.

La prima occasione è per gli ospiti. Laaribi verticalizza, Gigliotti fa il velo per Actis Goretta che mette di tacco il compagno davanti a Vono. Il portiere si tuffa a valanga e impedisce che la mezzala di Trocini rompa subito gli equilibri. Il Rende inizia col piglio giusto e, se non fosse per una svista dell’arbitro, poco dopo guadagnerebbe un rigore con l’avanti argentino toccato irregolarmente da Russo. Le proteste, tuttavia, risultano vane. Non ha invece dubbi De Remigis quando Salvemini viene steso da Laaribi e si presenta dal dischetto. Dagli undici metri Forte intuisce, ma è 1-0.

Il Rende sembra accusare il colpo e perde metri arretrando pericolosamente, di conseguenza i padroni di casa alzano il baricentro. Parigi incorna bene su azione di corner, Salvemini di sinistro chiama al volo plastico il pipelet biancorosso. In questa fase è l’Akragas a dettare i ritmi, ma il Rende pareggia quando nessuno se lo aspetta.

Gigliotti, appena scoccata la mezzora, trova gloria avventandosi su una palla vagante a centrocampo e scaricando in rete un destro violentissimo. La rasoiata è chirurgica e genera la reazione dei siciliani. Al 35’ il capitano Russo tenta una sortita offensiva e impegna Forte dalla distanza, ma l’1-1 regge se non altro perché Vono toglie dal sette un piattone a giro di Laaribi. Un istante prima del rientro negli spogliatoi, doccia geleta per i calabresi. Mileto, lasciato solo da Pambianchi, riporta avanti i suoi raccogliendo sul secondo palo un cross di Sepe.

Trocini, furibondo per il modo in cui è arrivato il secondo svantaggio, striglia i suoi nell’intervallo. Servono però 16’ per registrare uno squillo: è Ricciardo che di sinistro da buona posizione spreca una ghiotta occasione. Laaribi fa peggio perché, imbeccato da Franco, fallisce il 2-2 da due passi. La gara la fa il Rende, l’Akragas si affida ai contropiedi. Su uno di questi Saitta per poco non cala il tris. Il predominio territoriale premia gli sforzi di Pambianchi e compagni al 33’. Il neo entrato Franco risolve una mischia al limite dell’area con un tiro velenoso che viene deviato in gol.

All’Esseneto tutti si preparano all’assalto all’arma bianca degli agrigentini, ma chi nutre tali sensazioni rimane deluso. Blaze va via a Saitta e crossa teso per la testa dell’accorrente Rossini. L’incornata è letale e nel settore ospiti non credono ai propri occhi. Forte è super su Salvemini, poi Ricciardo manda clamorosamente in fumo il colpo del ko su un cioccolatino offerto da un Vivacqua entrato bene in partita. Poco male, perché finisce con i biancorossi a fare festa: se il buongiorno si vede dal mattina, c’è da stare sereni.

 

Il tabellino:
AKRAGAS (3-5-2):
Vono 7; Danese 5.5, Mileto 6, Russo 6 (36’ st Pisani sv); Saitta 5.5, Carrotta 6 (16’ st Franchi 5.5), Vicente 5.5, Longo 5.5, Sepe 6; Parigi 6 (20’ st Moreo 5.5), Salvemini 6.5. A disp.: Lo Monaco, Pisani, Caternicchia, Ioio, Canale, Navas, Greco, Minacori, Moreo, Petrucci, Amella. All: Criaco (Di Napoli squalificato) 5.5
RENDE (3-5-2): Forte 7; Sanzone 6, Porcaro 6.5, Pambianchi 5.5; Viteritti 5.5 (1’ st Godano 6), Gigliotti 6.5 (18’ st Franco 7), Laaribi 6, Rossini 7, Blaze 6.5; Actis Goretta 5 (18’ st Vivacqua 6), Ricciardo 6. A disp.: De Brasi, Boscaglia, Marchio, Cassalia, Germinio, Coppola, Felleca, Savetteri, Novello,. All.: Trocini 7
ARBITRO: De Remigis di Teramo
MARCATORI: 13’ pt Salvemini (A, rig.), 30’ pt Gigliotti (R), 46’ pt Mileto (A), 33’ st Franco (R), 37’ st Rossini (R)
NOTE: Spettatori circa 300 con rappresentanza biancorossa. Ammoniti: Danese (A), Vicente (A), Porcaro (R); Angoli: 11-6 per l’Akragas; Recupero: 1’ pt – 4’ st

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina