Tutte 728×90
Tutte 728×90

Dermaku: «Conosco lo spessore della piazza di Cosenza»

Dermaku: «Conosco lo spessore della piazza di Cosenza»

Il difensore italo-albanese del Cosenza si candida per una maglia da titolare a Matera. Dermaku: «Ho svolto tutta la preparazione fino al 30 di agosto ad Empoli senza saltare alcuna seduta».

Kastriot Dermaku è stato l’ultimo colpo di mercato targato Stefano Trinchera. Il difensore albanese, dopo aver rescisso in accordo con il direttore sportivo dell’Empoli Piero Accardi il contratto con il club toscano, ha accettato la proposta del Cosenza. Il 25enne giunge in riva al Crati con un anno di ritardo. Già nel gennaio 2016 i Lupi provarono a strappargli un sì. «Non ricordo i dettagli del mancato trasferimento – chiarisce su questo punto il centrale – si parlava di questo interesse del Cosenza, ma, oltre ad essere allora un tesserato dell’Empoli, esistevano problemi economici e di altra natura i quali sinceramenti non ricordo. In questa estate è tornata la possibilità e l’ho messa tra le prime scelte. Ho voluto sempre il Cosenza, conosco lo spessore della piazza».

Dermaku non ha trovato una situazione ottimale. La squadra di Fontana è reduce da tre sconfitte consecutive (una in Coppa e due in campionato) ed è chiamata a reagire immediatamente nella prossima gara contro il Matera di Auteri. «Peccato per le due sconfitte che possono placare l’entusiasmo – esordisce l’ex Empoli – ma la squadra sta lavorando nel migliore dei modi. I risultati sicuramente arriveranno qualora tutti remeremo verso lo stesso obiettivo». I principali errori da annoverare, soprattutto nella partita interna contro la Paganese, riguardano il reparto arretrato.

In che modo potrà essere utile Dermaku? «Ho parlato col tecnico ed i compagni – risponde – per capire i meccanismi. Penso che sabato, a livello della difesa abbiamo fatto abbastanza bene. Ci sono stati quei due/tre errori, più che altro, individuali. Può succedere durante una partita, ma non dobbiamo più fare questi errori. Come reparto ho visto dei miglioramenti rispetto a Monopoli. Occore ancora lavorare. Persanalmente ho svolto tutta la preparazione allenandomi fino al 30 di agosto ad Empoli senza saltare alcuna seduta. A livello fisico sto bene, ma non saprei assicurare nel caso in cui dovessi reggere tutti i 90 minuti di gioco».

Sulla strada rossoblu, c’è il Matera, già primissimo crocevia per risollevare l’ambiente Cosenza: «Nello spogliatoio c’è tanta rabbia e voglia di fare bene – conclude Dermaku – Vogliamo rifarci per vedere i frutti del nostro lavoro. Uno può indebolirsi mentalmente, ma non deve succedere. Dobbiamo fare di più, migliorare, ma sappiamo quali sono i nostri mezzi e la difficoltà della partita di sabato. Il gruppo è importante, ci sono ragazzi di alta qualità che vogliono assolutamente rifarsi dopo le sconfitte rimediate contro Monopoli e Matera. Il Matera è insidioso con il 3-4-3, non sarà facile». (Giulio Cava)

Related posts