Tutte 728×90
Tutte 728×90

E’ calabrese l’olio del cinema. Italoi sui tavoli di Venezia dopo il successo a Cannes

E’ calabrese l’olio del cinema. Italoi sui tavoli di Venezia dopo il successo a Cannes

Italoi-Villa delle Monache protagonista col cinema italiano: dopo Cannes, successo anche a Venezia per presentare una Calabria competitiva. 

Italoi-Villa della Monache  non ha ancora compiuto un anno  (è un marchio del 2017) ma può vantare già diverse collaborazioni e vetrine di prestigio a carattere internazionale. L’azienda olearia che incide tra Corigliano e Rossano, in provincia di Cosenza, dopo aver posizionato i prodotti di pregio nello scenario di  Cannes nello spazio di Cinecittà-Luce (Italian Pavillion) presso l’hotel de Majestic – Riviera alla 70esima edizione del Festival Francese ha subito raddoppiato replicando la presenza alla Mostra d’arte cinematografica di Venezia appena conclusasi al Lido della città lagunare.

Prodotto, cataloghi ed esposizioni, degustazioni per un fecondo connubio tra il meglio del gusto di Calabria e l’arte cinematografica italiana. Una legame che funziona e continuerà in altre location europee e mondiali.  Anche stavolta in esposizione una particolare bottigletta da 250 cl, con un packaging raffinato che certifica un percorso ormai lanciato; anche a Venezia dopo La Croisette di Cannes Italoi è stato molto apprezzata da attori, attrici, registi e operatori che hanno vissuto gli spazi italiani  dove sono presenti alcune tra le più importanti aziende del nostro Paese.

I proprietari di Italoi, dopo i primi due appuntamenti a Cannes e Venezia, intendono griffare  il proprio percorso e la qualità del prodotto al mondo del cinema e un modo per rilanciare una immagine positiva e laboriosa della territorio di riferimento. Continua la sfida intrapresa dagli eredi Gallina,  che sulla scia del lavoro del nonno, Antonio Gabriele, puntano decisamente su un prodotto di qualità e legato ai profumi assoluti della Piana di Sibari. Prossima tappa e nuove sorprese con i fari puntati in Spagna, a Barcellona.(Maddalena Perfetti)

Related posts